Top

Eurovision Song Contest 2022, al timone Mika, Pausini e Cattelan: ecco come si svilupperanno le tre serate

La competizione si svolgerà al PalaOlimpico di Torino da martedì 10 maggio a sabato 14 maggio. Le serate dell’Eurovision Song Contest saranno in diretta sulla Rai, a partire dalle 21, ma potranno essere seguite anche in streaming su YouTube.

Eurovision Song Contest 2022, al timone Mika, Pausini e Cattelan: ecco come si svilupperanno le tre serate
Eurovision Song Contest 2022

GdS

9 Maggio 2022 - 18.35


Preroll

Di Manuele Calvosa

OutStream Desktop
Top right Mobile

Nell’edizione del 2021 dell’Eurovision Song Contest i Måneskin uscirono vittoriosi, portando con sé una buona fetta di musica italiana che ne ha beneficiato lungo tutto il corso dell’anno. Grazie proprio a questo risultato, l’Italia ospiterà quest’anno l’Eurovision Song Contest. La competizione si svolgerà al PalaOlimpico di Torino da martedì 10 maggio a sabato 14 maggio.

Middle placement Mobile

Fino ad ora ad aver portato l’Italia a trionfare nelle scorse edizioni sono stati solo 3 artisti: Gigliola Cinquetti, Toto Cutugno e i Måneskin.

Dynamic 1

Grazie al brano “Zitti e buoni”, la band ha avuto un successo enorme ed il Paese ha goduto di riflesso di un ritorno di immagine stupefacente. Quest’anno a rappresentare l’Italia saranno invece Mahmood e Blanco con “Brividi”, brano che si è aggiudicato la vittoria a Sanremo 2022 ed ha scalato tutte le classifiche nazionali ed internazionali. Tuttavia il vero plot twist di questa edizione è dettato dalla partecipazione di un altro italiano alla gara canora: si tratta di Achille Lauro, che rappresenterà San Marino.

Le tre serate dell’Eurovision Song Contest andranno in diretta sulla Rai, a partire dalle 21, e in streaming su YouTube (se disponibile nel Paese) o sul sito web dell’emittente locale.

Dynamic 2

Alessandro Cattelan, Laura Pausini e Mika saranno i componenti del terzetto inedito che condurrà la 66esima edizione dell’Eurovision Song Contest. Questa edizione vedrà, per giunta, ospiti rigorosamente nostrani: tra i più attesi delle serate ci sono Il Volo, Diodato, i Måneskin, che si esibiranno di nuovo dopo il trionfo olandese, e Gigliola Cinquetti, a distanza di 58 anni dalla sua vittoria sul palco dell’Eurovision nel 1964. Diodato, Dardust, Benny Benassi e Sophie & The Giants, invece saliranno sul palco durante la prima semifinale, mentre Il Volo nella seconda semifinale. Nell’ultima serata  saranno Gigliola Cinquetti e i Måneskin (ma non si esclude che vi siano altri ospiti non ancora annunciati) a dare spettacolo sul palco del PalaOlimpico di Torino.

Alessandro Cattelan, Laura Pausini e Mika conducono la 66esima edizione dell’Eurovision Song Contest

Qual è il meccanismo della competizione?
A metà marzo tutti i 40 Paesi in gara hanno scelto il proprio interprete e il brano con cui esibirsi (la canzone dovrà avere la durata massima di 3 minuti). I Paesi avrebbero dovuto essere 41, ma il 25 febbraio, il giorno dopo l’invasione dell’Ucraina, si è deciso di escludere la Russia dalla competizione. Le esibizioni saranno esclusivamente dal vivo e le serate in programma saranno tre: due semifinali, martedì 10 e giovedì 12 maggio e la finale, sabato 14 maggio. Tra i 40 Paesi, ci sono cinque “teste di serie” – i Big Five – che entrano di diritto in finale: Italia, Spagna, Francia, Germania e Regno Unito.

Dynamic 3

I 17 artisti in gara che si esibiranno nel corso della prima serata, la semifinale del 10 maggio saranno i seguenti (e in questo ordine)

• Albania: Ronela Hajati – Sekret

Dynamic 4

• Lettonia: Citi Zēni – Eat Your Salad

• Lituania: Monika Liu – Sentimentai

Dynamic 5

• Svizzera: Marius Bear – Boys Do Cry

• Slovenia: LPS – Disko

• Ucraina: Kalush Orchestra – Stefania

• Bulgaria: Intelligent Music Project – Intention

• Paesi Bassi: S10 – De Diepte

• Moldova: Zdob şi Zdub & Advahov Brothers – Trenulețul

• Portogallo: MARO – Saudade, Saudade

• Croazia: Mia Dimšić – Guilty Pleasure

• Danimarca: REDDI – The Show

• Austria: LUM!X feat. Pia Maria – Halo

• Islanda: Systur – Með Hækkandi Sól

• Grecia: Amanda Georgiadi Tenfjord – Die Together

• Norvegia: Subwoolfer – Give That Wolf A Banana

• Armenia: Rosa Linn – Snap

Votano nella prima semifinale

• Francia: Alvan & Ahez – Fulenn

• Italia: Mahmood & Blanco – Brividi

Nella seconda semifinale, di giovedì 12 maggio, si esibiscono 18 Paesi, in quest’ordine:

• Finlandia: The Rasmus – Jezebel

• Israele: Michael Ben David – I.M

• Serbia: Konstrakta – In Corpore Sano

• Azerbaijan: Nadir Rustamli – Fade To Black

• Georgia: Circus Mircus – Lock Me In

• Malta: Emma Muscat – I Am What I Am

• San Marino: Achille Lauro – Stripper

• Australia: Sheldon Riley – Not The Same

• Cipro: Andromache – Ela

• Irlanda: Brooke – That’s Rich

• Macedonia del Nord: Andrea – Circles

• Estonia: Stefan – Hope

• Romania: WRS – Llámame

• Polonia: Ochman – River

• Montenegro: Vladana – Breathe

• Belgio: Jérémie Makiese – Miss You

• Svezia: Cornelia Jakobs – Hold Me Closer

• Repubblica Ceca: We Are Domi – Lights Off

Votano nella seconda semifinale

• Germania: Malik Harris – Rockstars

• Spagna: Chanel – SloMo

• Regno Unito: Sam Ryder – SPACE MAN

Il voto
I punteggi vanno da 1 a 8, 10 e 12, sia per i giurati che per il pubblico, che può esprimere le proprie preferenze tramite l’app, via telefono o con sms. Dal 2016 il meccanismo di votazione è cambiato: ora sia i membri della giuria di professionisti che il pubblico dei singoli Paesi tramite il televoto (vale il 50% del risultato) potranno esprimere la propria preferenza. Dal 2019, invece, l’ordine con cui viene rivelato il televoto è determinato dalla classifica della giuria. I presentatori annunceranno il punteggio del televoto a partire dal paese che si è classificato come ultimo, secondo il voto della giuria, arrivando in ordine crescente al Paese che si è qualificato al primo posto. Ora non resta che sintonizzarsi su Rai 1 e attendere il verdetto finale.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage