Top

Lite Santoro-Travaglio: pace fatta tra i due

A dare la notizia è stato Fabio Franceschi, azionista de Il Fatto Quotidiano e amico di entrambi a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24.

Lite Santoro-Travaglio: pace fatta tra i due

GdS

20 Ottobre 2014 - 17.24


Preroll

“Diciamo che c’è stato un piccolo battibecco, sono due caratteri un po’ spigolosi, purtroppo quella serata era una serata un po’ difficile. Stimo Marco, perché penso che sia uno dei più grandi giornalisti. E con Santoro non si può discutere, lo sappiamo tutti quanto è difficile”, commenta Fabio Franceschi, azionista de Il Fatto Quotidiano, a Radio24.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Travaglio, qualche ora dopo aveva scritto un editoriale in cui spiegava di non essere una foca ammaestrata. Il giorno dopo, però, il condirettore del Fatto aveva scritto un altro editoriale per chiedere a Santoro se “c’è ancora giornalismo nei talk”.

Middle placement Mobile

“Prima di domandarsi se il collaboratore fa la pace col conduttore e torna a bordo – scriveva Travaglio sul quotidiano rispondendo a Michele Santoro che, dopo la lite, lo aveva invitato a tornare in studio a patto che rispettasse le regole – andrebbe sciolto un rebus: cosa rimane, del giornalismo come lo conosciamo tutti, nei talk show?.

Dynamic 1

Chi insinua dissensi politici fra il conduttore renziano e il collaboratore grillino, risentimenti per l’ora tarda, nervosismi da share, gelosie da primedonne, mente per la gola – scrive il condirettore del Il Fatto -. Qui la questione è un po’ più seria. Esiste ancora nel talk show uno spazio indipendente per il talk inteso come racconto di fatti veri al riparo dallo show, cioè del pollaio gabellato per ‘contraddittorio’ e ‘ascolto’ dove chi ha torto e mente passa dalla parte della ragione e della verità solo perché se ne sta comodo a cuccia, certo dell’impunità politica che gli consente di sgovernare da 30 anni, in una notte dove tutte le vacche sono nere?.

Davvero parlare di queste porcate chiamandole col loro nome e chiedendone conto a chi le ha fatte è davvero violazione del bon ton e rifiuto del contraddittorio? – si leggeva nell’editoriale -. Se i colpevoli sono tutti al potere è anche perché troppa gente si lascia abbindolare dai diversivi retorici tipo ‘angeli del fango’ che, intendiamoci, fanno benissimo e vanno ringraziati, purché però non si prestino a distrarre l’attenzione dai portatori del fango”. “Attendo che qualcuno mi dica un solo fatto non vero tra quelli che ho ricordato giovedì – scrive ancora il giornalista -.

Dynamic 2

Ma temo che anche stavolta, come sempre dal Satyricon di Luttazzi nel 2001, la domanda resterà inevasa. Molto più facile dipingere i fatti come ‘insulti’ e le critiche come ‘rissa’, anche se me ne sono andato proprio per evitare di trascendere davvero negl’insulti e nella rissa. Restare calmi e zitti in quella bolgia di bugie e ipocrisie è un’impresa che può riuscire ai figuranti da talk show, marionette senza sangue che s’incazzano e si placano a comando”.

Secondo l’editore de La 7, Urbano Cairo, “Santoro ha fatto bene a riaffermare il principio che Servizio Pubblico offra a tutti la possibilità di dire quello che pensano e anche di replicare. La rissa in tv – spiega Cairo a Repubblica – non porta ascolti. In tv lo share cresce nel momento in cui ci sono le idee. Ho parlato solo con Santoro, Travaglio non lo sento mai.

Dynamic 3

Io ho fatto un accordo con Michele: lui è libero di fare il talk con chi vuole, ha scelto Travaglio, che ha dato ottimi contributi. Non butto nessuno dalla torre – aggiunge. – Travaglio è molto bravo a fare le domande. Ma è giusto che anche a lui possano fargliene”. Sul fatto che la coppia starebbe scoppiando a causa di Beppe Grillo, Cairo replica: “A me non risulta. Una così rodata coppia televisiva non credo scoppierà per un diverso modo di vedere la politica grillina. Comunque io non intervengo sulla linea politica”

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile