Top

Virginia Raffaele: una bomba d'allegria risveglia la Tv

Facciamo che io ero è una tempesta di risate e parodie argute. La Rai ha il nuovo Fiorello

Virginia Raffaele: una bomba d'allegria risveglia la Tv

Claudia Sarritzu

19 Maggio 2017 - 11.06


Preroll
Virginia Raffaele ieri sera ha vinto, la prima puntata di Facciamo che ero io, dove si è mossa fra imitazioni e monologhi da artista navigata, è andata alla grande. Ha vinto con lei la Rai, gli spettatori e le donne, sì le donne, per la prima volta protagoniste e non spalle ammaestrate di uno show tv in prima serata.  
«Facciamo che io ero» è la frase che dicono i bambini quando sognano di essere qualcun altro. E Virginia Raffaele ieri ha dimostrato che è riuscita a ricordasi quell’emozione del gioco della trasformazione che solo i bimbi conoscono. E’ un’artsta con una pluralità di anime, sa cantare, ballare, imitare, interpretare, far ridere, far riflettere, e fare anche un po’ la trapezista come sua nonna e sua bisnonna.  Ha iniziato nei panni di se stessa, forse la cosa più difficile, ha portato in scena i suoi antenati acrobati e la sua passione per lo spettacolo. E che spettacolo!
Durante la trasmissione è diventata Fiorella Mannoia che sfotte Francesco Gabbani («Io non ce l’ho con te per aver vinto Sanremo, ma ti auguro di fare la fine di Giò Di Tonno e dei Jalisse») passando per Bianca Berlinguer che se la prende con il regista di #CartaBianca («ma chi l’ha tagliata sta scena, Robespierre?»).

Ha dimostrato pure di non sfigurare ballando con Roberto Bolle, con una presa d’angelo mozzafiato alla Patrick Swayze e Jennifer Grey in Dirty Dancing, senza sembrare goffa. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Ha fatto servizio pubblico ieri Virginia, recitando un monologo contro l’omofobia e la transfobia senza cadere nella banalità. E ne avevamo bisogno, tanto bisogno dopo che la Rai ha dato spazio per anni a persone come Paola Perego (niente di personale, ma i suoi programmi non mi piacciono). 

Middle placement Mobile

Ma soprattutto ieri questa grandissima artista ha lanciato un messaggio importante ai giovani. Che non si arriva in Tv (e in nessun campo lavorativo) e si fa una stragrande bella figura se non con anni di gavetta. Che la qualità è lentezza e pazienza, perseveranza. Che in tv una donna non deve per sempre ricoprire solo il ruolo della comparsa ma sa essere anche protagonista indiscussa del palcoscenico. E questo successo si ottiene solo se sei brava e competente e talentuosa. Non basta essere bella, bisogna essere intelligenti e avere qualcosa da comunicare. 

Dynamic 1

Per una volta va detto: grazie Rai! Grazie Virginia Raffaele. 

Dynamic 2

Dynamic 3
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage