Top

Sanremo, Pio e Amedeo: "Salvini non è rancoroso: prima ti odia e poi ti vuole bene, come con i meridionali"

Al duo di meridionali famosi per ‘emigratis’ viene affidata in questa seconda serata la pagina politica del Festival, e non ce n’è per nessuno

Sanremo, Pio e Amedeo: "Salvini non è rancoroso: prima ti odia e poi ti vuole bene, come con i meridionali"

GdS Modifica articolo

7 Febbraio 2019 - 00.32


Preroll

La satira a tutto tondo arriva a Sanremo con Pio & Amedeo: al duo di meridionali famosi per ‘emigratis’ viene affidata in questa seconda serata la pagina politica del Festival, e non ce n’è per nessuno; dal Pd (“abbiamo inviato cesti regalo a tutti gli elettori: abbiamo risparmiato, sono comunque meno dei candidati”), a Berlusconi, (“ora ci riprova con le europee, che con le nordafricane non era andato bene”) e, ovviamente, con Salvini: “lui non è rancoroso, prima ti odia dopo due o tre anni ti vuole bene, ha fatto così con noi meridionali”. E sul finale continuano, prendendo in giro Baglioni: “hai detto che non ci sono cantanti stranieri stasera, quindi prima gli italiani. Che paraculo!”

OutStream Desktop
Top right Mobile

Ma infine, un breve monologo: “Che poi alla fine se ci pensiamo, questa storia che siamo tutti uguali è di una banalità infinita. Ma da piccoli questa cosa aveva un senso: una cosa era più bella se la facevamo tutti insieme. Poi crescendo sentiamo questa strana brutta esigenza di fare le cose con chi la pensa come noi. Noi auguriamo il meglio a chi prende le decisioni importanti. E invece di tifare, come gli ultras, dovremmo tifare affinché si calmino le acque”

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile