Top

"Parole oltre i muri", il nuovo album rap dei detenuti di Monza

Cinque reclusi hanno seguito il laboratorio del rapper Mirko Kiave.

"Parole oltre i muri", il nuovo album rap dei detenuti di Monza

GdS

22 Luglio 2016 - 09.46


Preroll

Cantano se stessi, la loro vita in carcere, come vedono il mondo dalle sbarre. Cinque detenuti del carcere di Monza hanno realizzato un nuovo album rap, dal titolo “Parole oltre i muri”. È il frutto del laboratorio con Mirko Kiave, rapper professionista, organizzato dall’associazione “Il razzismo è una brutta storia” e co-finanziato dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza e dal Centro di Servizi per il volontariato. “Sono stato sempre convinto che ogni uomo abbia diritto a una seconda opportunità -afferma l’artista-. L’Hip Hop l’ha data a me e ora io cerco solo di trasmettere quello che questa cultura è destinata a fare: proiettare le persone verso qualcosa di più, di migliore”.
È il terzo album prodotto all’interno del carcere di Monza. Le prime edizioni di “Potere alle Parole Lab” in carcere realizzate nell’ambito del progetto La Biblioteca è una bella storia (bibliotecabellastoria.it) hanno dato come esito due album, un concerto alla libreria laFeltrinelli di Piazza Piemonte a Milano e uno all’interno del carcere. Per questa edizione Mario Mof, Manna, Entu, Patrice e Giacomo, si sono esibiti il 9 luglio insieme a Kiave sul palco dell’Arci Scuotivento a Monza.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile