Top

Una meravigliosa vecchia pazza

Quarta puntata di Sanremo, quarta perla di perfidia di Stefano Torossi per Globalist.

Una meravigliosa vecchia pazza

GdS

14 Febbraio 2015 - 11.52


Preroll

di Stefano Torossi

OutStream Desktop
Top right Mobile

Middle placement Mobile

Quarta puntata.

Dynamic 1

Pillola del TG 1. Lettore, immagina di essere un professionista che ha sudato per mesi a preparare uno spettacolo impegnativo come questo. Arriva un giornalista che chiede, in tua presenza, ai collaboratori e alla gente intorno come ti vedono, e questi rispondono, testuale: “Come Charlie Chaplin. Come un pelouche. Come Calimero, così piccolo e nero”. Come reagiresti? Al tuo posto Carlo Conti ha finto di essere felice e contento. Questa è professionalità. Andiamo al Festival.

Per la quarta volta ci stupisce lo sketch fra Conti e Caizzi, ma non per la solita banale ragione di gusto. Macché. Ci tocca ammettere la nostra ingenuità. Nelle tre puntate precedenti non ci eravamo accorti che subdolamente i due suggeriscono Smartphone. Pubblicità occulta.

Dynamic 2

Nella prima puntata abbiamo criticato Conti per l’uso eccessivo e ripetuto di una parola. Bene, dopo essere stati testimoni (insieme a 15 milioni di altri italiani) con crescente stupore e ammirazione della scarica di irrisione, disinvoltura, spirito, padronanza della scena di Ornella Vanoni, dobbiamo usarla, quella parola. Ornella è una MERAVIGLIOSA vecchia pazza.

E d’altra parte, che immagine di dignità serena, tanto a proprio agio da mettere a disagio il perfetto Carlo Conti, che a un certo punto non sapeva più bene come congedarlo e infatti lo abbiamo visto per la prima volta incerto. Parliamo naturalmente di Sammy Basso, il diciannovenne malato di progeria, che vive in un corpo di ottantenne.

Dynamic 3

Spesso noi anziani pensiamo e ci raccontiamo quanto sarebbe bello tornare ai vent’anni, ma mantenendo il cervello e l’esperienza che abbiamo adesso. Un sogno, naturalmente, della cui irrealizzabilità ci consoliamo perché comunque il nostro tempo lo abbiamo vissuto. E invece che ingiusta tragedia quella di uno come Sammy che vive (e non può neanche illudersi che sia un sogno dal quale potersi svegliare) con la mente di un ragazzo nel corpo di un vecchio, che non potrà ospitarlo ancora per molto perché sta per morire. A diciannove anni!
Una testimonianza così intensa ha gettato un’ombra, peraltro meritata, sulla successiva scenetta comica di Gabriele Cirilli. Battute su mogli e suocere e sulla paura di volare. Solita robetta.

E finalmente arriva quella che il presentatore definisce un’eccellenza italiana. Un jeans e una maglietta (più un paio di Superga e un sacco di capelli). Suona un motivetto insignificante, fa un discorsetto new age a base di amore e comprensione, un po’ di umiltà e tanta semplicità, si tira i riccioli neri e si sistema gli occhiali sul naso.

Dynamic 4

Abbiamo raccolto con devozione, perché lo consideriamo un vero genio dell’autopromozione, quello che in varie occasioni, ha detto di sé stesso: “Travolto dalla musica abbandono ogni difesa, e, fragile ed emotivo, guardo il mondo col cuore di un bambino. La mia evoluzione giunge qui all’ingenuo e sublime incanto”… “La musica mi arriva in testa già strutturata”…”Mentre dirigevo il concerto, saltellavo giulivo davanti all’orchestra”. Travolti anche noi da un irresistibile imbarazzo di fronte a questa sbrodolata di scemenze (non dimentichiamo che il nostro non è un teenager con turbe adolescenziali, ma uno scaltro ultraquarantenne), non possiamo fare a meno di spiattellarvi il nome del responsabile: Giovanni Allevi!

E con questo chiudiamo la serata, ma non senza chiederci: quanto tempo passerà prima che Giovanni Caccamo si cambi il cognome?

Dynamic 5



[LinkNewsB_69276]

Terza puntata: pubblicità

Wind, Unicredit, Suzuki, Conad, Wind, Unicredit, Suzuki, Conad, Wind, Unicredit, Suzuki, Conad, Conad, Regina, Hyundai, Emoform, Lidl, Yamamay, Mutà, Chateau d’Ax, Aquafresh, Audi, Libretto Smart. Aiuto! In quest’ordine: 23 annunci pubblicitari nei primi 14 minuti! Se tengono questa media, fa più di trecento tormentoni a fine serata. Con la contabilità noi ci fermiamo qui. Se qualcuno vuole può andare avanti.

Ma procediamo con ordine. Nell’insertino del TG 1, Luca e Paolo, di cui avevamo già notato la pesantezza in passato, ci comunicano che stare sul palco di Sanremo li fa cagare addosso. Prosit.

Nell’Anteprima, solita scenetta parrocchiale in cui Caizzi stavolta si manifesta in un travestimento femminile, da sempre pezzo forte di tutti i comici d’avanspettacolo. Prosit anche per lui.

Momento di brivido marinaro quando Conti (sulla cui faccia non è mai apparsa, da quando lo guardiamo, la più piccola goccia di sudore; e questo è davvero autocontrollo ai massimi livelli, oltre a una bella tenuta epidermica o magari qualche fondotinta segreto) rivendica l’onore e l’onere di comandare la nave del festival. Attenzione, proprio in questi giorni la figura del comandante di na-ve, anche se simbolica, è un po’ screditata, e sappiamo chi ringraziare.

Arriviamo al bel collegamento con la Cristoforetti dallo spazio, che è una doppia lezione: di fisica e di spettacolo. La prima non l’abbiamo capita. Perché fra la domanda di Conti in studio e la risposta di lei dal satellite passano almeno cinque secondi di silenzio? Eppure il segnale elettrico che trasporta la voce e l’immagine viaggia piuttosto veloce. Ci dev’essere qualche fatto tecnologico che ci sfugge. Non ci sfugge invece il disagio che in uno spettacolo rappresentano cinque, solo cinque secondi di silenzio. Un’eternità.

Cantano insieme una delle cover in gara Grazia Di Michele e Platinette. Beh, non ce ne voglia quest’ultimo ma come uomo in vesti femminili trasforma in triste macchietta quella che per Conchita Wurst rimane una forse ambigua ma indiscutibile eleganza. Per chiarire meglio, lo sappiamo benissimo che lui lo fa, con la sua indubbia intelligenza, consapevolmente e in maniera ironica, ma a guardarlo con quel panzone e la parrucca si prova comunque una certa patetica malinconia, mentre per Conchita no. Lei è qualcosa. Qualcosa di serio e per niente patetico. E’ una o uno (non importa) normale.

Cominciavamo a preoccuparci: come, siamo già alla terza puntata e ancora non è arrivata? Non avranno mica deciso di eliminarla? Invece eccola, recitata, si fa per dire, da Luca e Paolo, l’attesa, l’ovvia, l’inevitabile scenetta gay! Uno degli stereotipi dello spettacolo popolare più duri a morire. E comunque, gay o no, tanto per rimanere nello schema, anche questa finisce con il prevedibile vaffanculo. Però ci è sembrato che il pubblico fosse più freddino del previsto. Buon segno: forse stiamo uscendo dall’adolescenza parolacciaia.

E finisce anche la terza puntata. Breve giro su facebook e scopriamo un’ondata di indignazione, che condividiamo, per la bocciatura istantanea di Serena Brancale, ottima jazzista (questa dev’essere la ragione) e con un ottimo pezzo. In questo caso l’esclusione è un vero e proprio riconoscimento. Quindi va bene lo stesso. Anzi, meglio.


[url”Donna barbuta sempre piaciuta”]http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=69213&typeb=0&Donna-barbuta-sempre-piaciuta[/url]

La seconda serata

Superfluo specificare di chi si tratta. Prima di andare a raccontare la serata, ci pare giusto fare le nostre più vive congratulazioni alla donna barbuta di stasera. Non tanto per la canzone che ha cantato, un pezzo commerciale niente male e con un bell’arrangiamento, quanto per lo spirito con cui ha scelto il proprio nome d’arte, bisex e bilingue.

In Sudamerica “concha” vuol dire conchiglia, ma anche vulva, e il suo diminutivo conchita, oltre che per Concettina, sta per fighetta. In tedesco “wurst” significa salsiccia, come certamente sanno tutti quelli a cui piacciono gli insaccati. I riferimenti ci sembrano trasparenti: Conchita Wurst, ovvero Fighetta Salsiccia. Geniale.

Seconda puntata. Avanti di un giorno e indietro di cinquant’anni nella formula blanda ma funzionante, formato famiglia. Solita scenetta parrocchiale Conti-Caizzi con smorfie e occhioni sgranati, tanto per far capire bene al pubblico quando ridere. Anche stasera quantità indecente di pubblicità. Se ci regge il fisico, domani promettiamo di contare gli spot.

Superate di corsa le prime canzonette arriviamo alla comparsata di Joe Bastianich, il superchef, di fronte al quale Conti, l’inappuntabile, discreto Conti fa una lieve scivolata. Lo chef accenna a un piatto americano molto popolare: spaghetti with meatballs, che vuol dire spaghetti con polpette. Ma la parola inglese può essere maliziosamente tradotta con “palle di carne”. E qui il nostro non ha resistito: “Ma sono solo due?” “No, sono di più” risponde l’ignaro Joe. “Ah, meno male, perché se erano solo due.” Prevedibili sghignazzate del pubblico; poi Conti per fortuna si riprende.

Rocìo fa la spiritosa da copione, ma con l’espressione tesa della brava studentessa che non vuole sbagliare l’interrogazione. Certo che è proprio bella. E alta, parecchio più di Conti.

Come Charlize Teron, bella e alta anche lei, ma (è un’attrice professionista) molto più rilassata. Chi è decisamente simpatica, di più: simpaticamente ruspante è Emma, che sembra non prendersi mai troppo sul serio, rara e pregiata caratteristica in quell’ambiente.

Sotto il monologhino comico di Angelo Pintus confessiamo di esserci appisolati per risvegliarci, per fortuna, verso la fine dell’inqualificabile marcetta dei cialtronissimi Soliti Idioti.

La parrocchia è sempre in agguato e riemerge con la scenetta di Amendola e Argentero, finto suicida, con risultati men che mediocri. Mai quanto i fiacchissimi Boiler che replicano il numerino dei tre finti giornalisti. Davvero pietosi: dialetto, smorfie e parrucche. Il comico, quando c’è, dovrebbe reggere senza questo repertorio di trucchi e trucchetti. Di Conchita Wurst abbiamo già detto, ma c’è da aggiungere che riesce a essere nello stesso ambiguo momento un bell’uomo coi capelli lunghi ed elegante abito femminile, e una bella donna senza finte poppe, ma con barba vera. E canta pure bene.

Sorpresa finale con Javier Zanetti, che dimostra con il suo spirito e i tempi giusti del parlare che il vecchi tipo dello sportivo mezzo intronato è proprio estinto. E poi ci sono anche le canzoni ma siamo troppo assonnati per parlarne.


[url”L’amatriciana con l’aglio”]http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=69147[/url]

La prima serata

Sì, perché l’ultima notizia del TG 1 riferiva la secca smentita del Consiglio Comunale di Amatrice al completo, con in testa il sindaco: “No, nel sugo all’amatriciana non ci vuole l’aglio!” Questo per controbattere la blasfema dichiarazione di senso opposto dello chef Cracco, che aveva creato non poche preoccupazioni fra i buongustai italiani.

Chiarito questo punto fondamentale, passiamo al sessantacinquesimo Festival di Sanremo che inizia con una breve intervista a un barbiere in ghingheri e panama e a una pingue matrona: Al Bano e Romina.

Poi, interrotta da un indecente numero di annunci pubblicitari, attacca l’Anteprima Sanremo. Scenetta parrocchiale fra Lucio Caizzi e Carlo Conti, sui contenuti e sui modi della quale sorvoleremo per carità cristiana. Segue una carrellata (finalmente un montaggio veloce e moderno) sui personaggi del festival. Ci hanno colpito i denti ferrati di Malika Ayane e una bella patacca di grasso sulla camicia di Platinette. Ma non fa niente. I personaggi sono, ognuno per il suo verso, abbastanza robusti da reggere queste piccolezze. Comincia lo spettacolo. Come da tradizione si ripetono i tempi lenti e imprecisi, le pause lunghe, gli attacchi in ritardo; il presentatore che chiama a un certo punto un rullo di tamburo, e il batterista chissà a cosa stava pensando perché non risponde, e lui, veloce: “Ma ce le hai le bacchette?” Insomma le solite cose all’italiana.

Conti, bisogna dirlo, a parte il vezzo, che a un certo punto diventa fastidioso, di ripetere mille volte “meraviglioso”, è bravo, prontissimo e per niente volgare.

E siamo al primo momento di estasi nonché a un’altra botta di oratorio parrocchiale.

Appare sul palco la famiglia Anania di Catanzaro: marito, moglie e sedici figli. Alle prevedibili domande sul perché di una famiglia di quelle dimensioni, il paterfamilias ringrazia Dio e dichiara che la sua figliolanza la deve allo Spirito Santo. A questo punto ci è venuto il sospetto che i coniugi Anania non abbiano chiara la differenza fra generazione naturale e intervento divino. Tiziano Ferro, in impeccabile papillon, canta con il suo simpatico sorriso, mentre dietro di lui torreggia una specie di Mastrolindo gigantesco con un violino fra le braccia e addosso dei jeans da barbone. Come mai uno in smoking e l’altro in stracci?

Ma arriviamo al vero momento di abiezione. L’entrata in scena di un personaggio obbrobrioso; il classico servo insolente della commedia dell’arte, il guitto che ridacchia dopo aver detto la battuta, che sfotte i compagni di lavoro per far ridere il pubblico insultandoli, forte della protezione del microfono che ha in mano.

Per prima cosa offende un bambino grasso chiedendogli come riesce a entrare nel sedile. Poi insiste coi musicisti dell’orchestra pelati o troppo robusti, comunque puntando sempre sul difetto fisico: un classico. Infine scivola nella vera volgarità quando, verso la chiusura del suo troppo lungo intervento (12′), la butta sul patetico, cambia registro, si mette a piagnucolare e a chi manda il suo pensiero nell’alto dei cieli? Ma a Pino Daniele, naturalmente! Applausi lacrimosi.

Non vorremmo che vi sfuggisse il nome di costui: Alessandro Siani. Avanti tutta. Cantano Romina e Al Bano. A Conti non riesce la progettata rappacificazione fra i coniugi litigati. La figura della zitella stizzosa comunque la fa Al Bano, mentre alla paffuta Romina sembra che non gliene importi gran che.

Siamo in chiusura. Ma non prima di aver registrato un terzo momento di schietto livello parrocchiale: il numero dei tre giornalisti finti che fanno le domante. Proprio squallido.

E finalmente, per chiudere davvero, arriva per bocca di Conti un annuncio che non ci saremmo mai aspettati perché supera ogni immaginazione: Alessandro Siani devolverà il compenso per la sua prestazione a due ospedali pediatrici, uno di Roma, ci pare, e uno di Napoli. Eh? L’avesse fatto sapere prima forse avrebbe avuto un po’ della nostra stima, ma detto a fine trasmissione, dopo che probabilmente qualcuno gli avrà fatto notare la sua cafonaggine, fa l’effetto di una bella toppa piazzata su uno strappa irrimediabile.

Quando uno è guitto, guitto rimane, non c’è niente da fare.

[GotoHome_Torna alla Home]

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage