La prova: i film discriminano donne, Lgbtq, neri, disabili, minoranze

La studiosa Stacy L. Smith pubblica un rapporto significativo sul mercato americano: su 1447 registi solo il 4,8% è donna, il 6,1% nero, il 3,3% asiatico, il 3,7 ispanico. Altri dati provano discriminazioni

La regista, produttrice e sceneggiatrice Ava Duvernay

La regista, produttrice e sceneggiatrice Ava Duvernay

GdS 20 ottobre 2020
di Chiara Zanini

Un nuovo studio guidato da Stacy L. Smith, docente alla University of Southern California che da tempo conduce ricerche sulla presenza delle donne nel cinema, in televisione e nei media e più in generale in ambito di disuguaglianze e progressi in tema di “diversity”, presenta dati che si riferiscono al mercato statunitense ma sono d’interesse anche per il pubblico italiano, soprattutto perché indicano strade da perseguire. Lo studio ha monitorato circa 1300 film dal 2007 al 2019 e si intitola appunto Inequality in 1,300 Popular Films: Examining Portrayals of Gender, Race/Ethnicity, LGBTQ & Disability from 2007 to 2019.

Ecco i dati più significativi.

Negli ultimi 13 anni, lo studio ha monitorato 1.447 registi. Di questi, solo il 4,8% sono donne, anche se il numero e la percentuale di donne registe ha raggiunto un picco nel 2019. Tuttavia ci sono stati pochi progressi per i registi appartenenti a gruppi sottorappresentati: in 13 anni, il 6,1% dei direttori erano neri, il 3,3% asiatici e il 3,7% ispanici o latinos. Solo nel 2018 si è osservato un cambiamento significativo: la percentuale di registi neri è aumentata in modo significativo, per poi tornare ai livelli del 2017 nei film di punta del 2019. Ma solo 13 donne di colore hanno diretto un film di punta in 1.300 film e 13 anni. Per quanto riguarda le produzioni, Netflix negli Stati Uniti puà vantare percentuali più alte di donne in regia: il 20,7% dei registi di Netflix di film girati negli Stati Uniti nel 2019 erano donne.

Tornando ai dati generali, nel 2019 le sceneggiatrici sono aumentate, mentre non ci sono stati cambiamenti per le produttrici. Le compositrici sono solo sei donne. Le donne sono invece in numero maggiore nel reparto casting: nel 2019 il 70,4% dei direttori di casting erano donne (15,6% erano donne di colore, 54,8% erano donne bianche. Poco più di un quarto (27,4%) uomini bianchi, mentre gli uomini di colore erano solo il 2,2% dei direttori casting del 2019).

Tra le case di distribuzione Disney è quella che ha voluto più protagoniste femminili. Tra i 100 film più importanti del 2019, i ricercatori hanno evidenziato che in 33 film mancavano ragazze e donne nere o africane, 55 in mancavano ragazze o donne asiatiche o asiatiche americane, in 71 mancavano ragazze o donne ispaniche/latine e in 45 mancavano ragazze o donne di origine multietnica. Sono state escluse anche le ragazze e le donne di altri gruppi, tra cui i personaggi nativi indiani d'America/Alaska (in ben 97 film), i personaggi nativi delle Hawaii e delle Isole del Pacifico (in ben 99 film) e i personaggi del Medio Oriente/Africa settentrionale (in ben 92 film).
Inoltre, 77 film non includevano una sola ragazza o donna con disabilità e 94 film erano privi anche di un solo personaggio LGBTQ di sesso femminile. Ragazze, donne e persone di colore sono quindi emarginate e minimizzate.

Nei 100 migliori film del 2019, solo il 2,3% presenta personaggi con disabilità e solo l'1,4% di tutti questi film fanno della comunità LGBTQ. Tra il 2014 e il 2019, solo quattro personaggi sono transgender, e sono irrilevanti per la trama e sono apparsi sullo schermo per soli due minuti in totale. In 600 film e centinaia di ore di narrazione, i personaggi transgender appaiono sullo schermo per circa la durata del trailer di un film.
Dice Stacy Smith: "Mentre le proteste per la giustizia razziale continuano, è imperativo che le aziende vadano oltre le dichiarazioni performative e si impegnino ad intraprendere azioni che portino a pratiche di assunzione inclusive sullo schermo e dietro la macchina da presa"

Il file pdf dello studio completo si trova a questo link.