Top

Il pianto greco di Brigliadori: "La Rai mi aiuti, sono sul lastrico"

Continua la telenovela dopo gli insulti della 'santona' a Nadia Toffa. Il direttore di Rai 2: "I contratti si rescindono. Non la vogliamo più". Lei replica, chiede aiuto. Prossimo step il Tribunale

Il pianto greco di Brigliadori: "La Rai mi aiuti, sono sul lastrico"

GdS

27 Giugno 2018 - 19.28


Preroll

Allora, in breve la situazione è questa. Lo psicodramma si compone delle dichiarazioni di Brigliadori, e di quelle del direttore di Rai 2 Andrea Fabiano che ammette: “Un conto sono le teorie deliranti che uno puo’ avere, ma è un altro conto se poi si applicano a una persona. Erano parole inaccettabili ed è stata esclusa”. Il soggetto è Eleonora Brigliadori cacciata da Pechino Express per aver insultato Nadia Toffa. “I contratti si rescindono – ha aggiunto Fabiano, e poi eventualmente “ci sono dei giudici che decidono”. Mentre sul programma ha sottolineato: “Sabato sono partiti i concorrenti, è iniziata Pechino Express e sarà un’avventura con un cast notevole”.
Insomma la Rai lo sapeva che la concorrente aveva idea deliranti, ci ha provato diciamo. E non è andata affatto bene.
Poi c’è la versione di lei, la ‘santona’, affidata alle pagine di Oggi che è la sua velina preferita. Pianto greco. “Quando hanno accettato la mia candidatura conoscevano il mio passato e le mie idee. Il programma poi è registrato e non c’era rischio di mandare in onda mie dichiarazioni poco gradite. Avevo bisogno di partecipare a Pechino Express perché non ho mai vissuto di rendita e ho bisogno di lavorare. Mi hanno ridotto sul lastrico, ma io non elemosino la pietà di nessuno”.Brigliadori continua: “Non ho fatto nomi né riferimenti a nessuno. Ho solo citato un proverbio.. se vedo qualcuno che, causando “il suo mal”, si affida alla chemio, tutto quello che posso fare è soffrire per lui. Ho avuto un carcinoma epatico, un tumore al seno e un fibroma. Li ho affrontati per via spirituale, e li ho sconfitti tutti… Quando davanti al dettatore del mio cellulare ho detto “chi è causa del suo mal pianga se stesso”, pensavo di inviare un pensiero d’amore. Ma sulla Rete c’è stato chi è stato abile a creare l’equivoco e a cavalcarlo”, dice Brigliadori che finora non si è mai scusata con Nadia Toffa. “Da oggi – conclude – sono Aaron Noele. Ho rovesciato il mio nome, l’ho spezzato in due come un pezzo di pane. Eleonora Brigliadori non esiste più, è un cadavere. L’ho uccisa io”. (Cl.Sar.)

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile