Top

La serie Rai I Medici piace al pubblico ma gli storici la bocciano

Accanto al successo, inevitabili arrivano anche le critiche. E anche piuttosto pesanti: riguardano la sceneggiatura, i costumi, e i fatti storici romanzati.

La serie Rai I Medici piace al pubblico ma gli storici la bocciano

GdS

3 Novembre 2016 - 11.39


Preroll

Anche gli ultimi due episodi della fiction trasmessi in prima visione mondiale dalla Rai il 1.mo novembre hanno registrato una media d’ascolto di 6 milioni 240 mila spettatori e uno share del 26.40. Molte però sono le critiche, soprattutto degli storici.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Una fra tutte l’aspetto fisico di Cosimo e Lorenzo de’ Medici che sono interpretati da attori con la barba, anche se nei dipinti che li ritraggono non la portavano.
Altre inesattezze sono: la facciata del Duomo di Firenze mostrata come la vediamo oggi, mentre fu completata solo nel 1887. Molti episodi, inoltre, malgrado siano storicamente avvenuti, per esigenze di sceneggiatura nella serie vengono romanzati o cambiati, a partire dalla morte di Giovanni di Bicci de’ Medici (Dustin Hoffman) che, a differenza di quanto raccontato nella fiction, morì per cause naturali e non per avvelenamento. In realtà le inesattezze sono molteplici e sono state criticate da diversi storici, tra cui Franco Cardini che su ‘Repubblica’ ha scritto: “La storia, quella vera, dov’è? Semplicemente, non c’è”. E poi ha finito l’intervento con un’amara considerazione: “Dai ‘titoli di coda’ apprendiamo che non c’è nemmeno l’ombra di un consulente storico, nemmeno un libro serio di riferimento”. In difesa della fiction ‘I Medici’ è intervenuto il produttore Luca Bernabei che ha spiegato che “una serie televisiva non è un documentario e il racconto deve per forza fare i conti con l’apporto creativo degli autori”.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage