Top

Maria Paiato, madre tenace di resistenza poetica

Dal 17 al 22 gennaio, all’India di Roma, Riccardo Massai dirige Maria Paiato nell’Amuleto di Roberto Bolaño, tra oppressione studentesca e cura salvifica della poesia.

Maria Paiato, madre tenace di resistenza poetica

GdS

16 Gennaio 2017 - 15.52


Preroll
di Nicole Jallin

Con il carattere autoriale tendente al selvaggio, con verità di fatti e personalità unita alla creatività proiettata all’estremo di Roberto Bolaño, si misureranno, da domani, martedì 17 gennaio, e fino a domenica 22, la regia di Riccardo Massai e l’interpretazione di Maria Paiato in Amuleto, romanzo di una privata, singolare testimonianza dell’irruzione violenta delle forze dell’ordine nella Facoltà di Lettere e Filosofia di Città del Messico nel settembre 1968.

OutStream Desktop
Top right Mobile

L’assolo narrante della protagonista uruguaiana Auxilio Lacouture, rifugiatasi dodici giorni nei bagni accademici insieme ai versi di Pedro Garfias, e perciò scampata ai rastrellamenti militari, ci condurrà oltre il limite fisico di questo microcosmo in muratura parzialmente onirico e delirante, celato tra le pareti della realtà abbattute dalla fantasia, nel corpo e nella mente di questa versione femminile di Don Chisciotte, testimone di un “crimine atroce” che ha martoriato un’intera generazione latinoamericana: «La forza immaginifica di Bolaño – commenta Massai – fa rivivere i ricordi di Auxilio e ci rende partecipi della sua storia. Il linguaggio che ho scelto per l’adattamento scenico è estremamente letterario: abbiamo lavorato alla ricerca di una dizione teatrale che avvicinasse il pubblico a questo flusso meraviglioso e lo rendesse co-partecipe».

Middle placement Mobile

Maria Paiato sarà intensa rappresentante di una femminilità a più voci che, tra paura ed evasione, dialoga con poeti più o meno contemporanei, rivede conoscenze antiche e future, richiama incontri mai avvenuti e irreali notti nei bar in compagnia di intellettuali. E così si piegano i confini spazio-temporali, si confondono visioni e verità, profezie e concretezze, e si restituisce con parole, immagini, storie e volti la geografia di un continente lacerato e in rivolta: «Auxilio – spiega l’attrice – ha dei colori di ingenuità e di entusiasmo nei confronti della vita che traspaiono dai suoi pensieri, e io li sento molto vicini. Questo grande amore nei confronti dell’arte, della vita e della letteratura: quando Auxilio parla di poesia la chiama “pezzi di specchio rotti” nei quali ci si osserva, ci si ritrova e ci si spaventa, perché la poesia è davvero uno specchio che invita e favorisce forse più di ogni altra forma d’arte la riflessione e simboleggia il raccoglimento intorno a tutto questo».

Dynamic 1

Teatro India, Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi), info 06.684.000.346 – www.teatrodiroma.net

Dynamic 2

Dal 17 al 22 gennaio | Teatro India

Dynamic 3
Amuleto

di Roberto Bolaño traduzione Ilide Carmignani (Adelphi)

Dynamic 4

Regia Riccardo Massai

Dynamic 5

con Maria Paiato

Produzione Archètipo in collaborazione con Teatro Metastasio, Stabile della Toscana

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage