Top

L’appello dei teatri agli spettatori: "Io rinuncio al rimborso"

L’hashtag del Massimo di Palermo per gli spettacoli sospesi o cancellati rilanciato da più istituzioni. Anna Maria Meo da Parma: “Un gesto per noi importante”. Alessandro Gassmann: “Sopravvivenza incerta anche in tempi normali”

L’appello dei teatri agli spettatori: "Io rinuncio al rimborso"

GdS

3 Aprile 2020 - 11.16


Preroll

di Marco Buttafuoco

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Auspichiamo – che ciascuno voglia farci sentire la propria vicinanza e il proprio sostegno, aderendo alla campagna #iorinuncioalrimborso che ha già convolto altre istituzioni musicali nel mondo, rinunciando al rimborso degli spettacoli sospesi o cancellati. È un gesto importante, che ci consentirà di garantire continuità al nostro lavoro e alla programmazione del Teatro Regio di Parma e che ci aiuterà a superare insieme questo momento difficile”. Queste parole sono di Anna Maria Meo, sovrintendente dello storico teatro, una delle tante voci che hanno chiesto questo piccolo sacrificio agli abbonati e a quelli che già avevano acquistato i biglietti per eventi singoli. Altre istituzioni importanti hanno aderito all’hashtag #iorinuncioalrimborso: il Teatro Massimo di Palermo (il lirico che lo ha lanciato il 20 marzo con il sovrintendente Massimo Giambrone), il Maggio Musicale Fiorentino, il Pavarotti di Modena, i Teatri di Reggio Emilia e tante altre realtà. Un appello simile era stato lanciato già dal 10 marzo dalle Manifatture Teatrali Milanesi e anche il Piccolo aveva lanciato una sua iniziativa analoga.

Middle placement Mobile

Si stima d’altronde che le necessarie misure di contenimento da Coronavirus abbiano causato perdite di dieci milioni di euro a settimana al sistema dei teatri. Tutte le stagioni, tutti gli eventi sono stati sospesi o cancellati (e la distinzione comincia ad apparire labile). È opportuno ricordare che le tante persone che mangiano con la cultura sono raramente protette da ammortizzatori sociali. Sono spesso liberi professionisti, partite Iva, che sono pagati a prestazione e si costruiscono autonomamente il loro percorso previdenziale. Come ha detto Alessandro Gassmann “pochi, fuori dal mondo teatrale, sanno quanto sia dura la vita per attori e tecnici, quanto le paghe siano basse, e la sopravvivenza sempre incerta, anche in periodi normali.” 

Dynamic 1

Non è nemmeno inutile sottolineare come eventi teatrali particolari creino indotti consistenti, soprattutto sul turismo. La stagione teatrale dell’Arena di Verona genera un indotto di 400 milioni, a Parma il Festival Verdi fa impennare il livello di prenotazioni degli alberghi e fa da traino a un’economia turistica sempre più importante per la città emiliana, oramai virtualmente non più capitale della cultura per l’anno in corso.
È necessario, certamente, un intervento dello Stato per garantire qualche forma di tutela a migliaia di eccellenti professionisti e impedire che la filiera teatrale si disarticoli e un patrimonio grande di esperienza e creatività si volatilizzi. È necessario anche, tuttavia,  che gli spettatori, gli appassionati difendano in prima persona, per quanto possibile, i loro teatri, i loro auditorium, i loro artisti. Il rimborso dei biglietti è certamente un atto dovuto da parte delle istituzioni, ma rinunciare a quella somma può dare un po’ di ossigeno, in attesa di una ripresa che si annuncia, purtroppo, lunga e complessa, anche dal punto di vista psicologico.  

Dynamic 2

Cultura e solidarietà, è stato ripetuto nei tanti appelli che circolano sulla rete, sono due concetti strettamente collegati fra loro. In ogni caso pare che, ad oggi, l’appello sia stato raccolto, da molti cittadini e che il teatro italiano possa contare sul sostegno, concreto, di molti dei suoi appassionati.

 

Dynamic 3

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage