Top

Louis Armstrong, il nipote degli schiavi che divenne re del jazz

Grande trombettista e cantante è considerato uno dei maggiori musicisti del Novecento. Era nato il 4 agosto.

Louis Armstrong, il nipote degli schiavi che divenne re del jazz

GdS

4 Agosto 2017 - 11.10


Preroll

Il 4 agosto di 116 anni fa nasceva Louis Armstrong, il celeberrimo musicista jazz, dapprima trombettista poi anche cantante.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Nato a New Orleans – una delle patrie del jazz – e morto il 6 luglio 1971 a New York.

Middle placement Mobile

Conosciuto come “Satchmo” ma anche “Pops” e altri nomignoli come “Dippermouth”, Armstrong, figura importantissima del XX secolo, ha dato nuova linfa vitale al genere musicale del jazz, “esportandolo” e rendendolo importante in tutto il mondo.

Dynamic 1

Come direbbe il buon Sebastian di La La Land tutto ciò che il jazz racchiude lo hanno trasmesso maestri come Armstrong, che metteva così tanta passione nel proprio fiato e nella propria voce che quando diveniva musica era un piacere per gli occhi, non solo per le orecchie. Una musica che permette tuttora di viaggiare ad occhi aperti mentre si ascolta piacevolmente.

Lo ricordiamo con alcune delle sue esibizioni più famose, per rivedere – e soprattutto riascoltare – tutta la bravura e la passione:

Dynamic 2

Hello Dolly dal film con Barbra Streisand

Dynamic 3

When The Saints Go Marching In

Dynamic 4

What a wonderful world

Dynamic 5

Mi va di cantare (in italiano)

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage