Una modella polacca ha rifiutato di accettare i soldi di Weinstein per ritirare le accuse

Kaja Sokola farà causa individualmente e ha preso le distanze da un gruppo di una ventina di donne che stanno invece accettando 25 milioni di dollari per far cadere le accuse

Kaja Sokola e Harvey Weinstein

Kaja Sokola e Harvey Weinstein

GdS 20 dicembre 2019
Kaja Sokola è una modella polacca che si è sfilata dal gruppo di donne che sta patteggiando un pagamento di 25 milioni di dollari in cambio del ritiro delle accuse contro l'ex produttore Harvey Weinstein. 
"Non posso accettare quanto proposto come equo o giusto. Non c'è giustizia per i responsabili, il compensi per tutte le vittime sono insufficienti e milioni di dollari andranno a persone che hanno reso possibile il comportamento di Weinstein" ha spiegato Sokola, che ha deciso di fare causa individualmente sulla base del Child Victim Act dello Stato di New York (All'epoca dei fatti aveva 16 anni). 
Decine di donne hanno accusato Weinstein di molestie e stupri. Un processo penale contro l'ex boss di Miramax si aprirà il 6 gennaio a New York.
L'episodio denunciato dalla Sokola risale al 2002. Weinstein, che avrebbe promesso alla ex modella di portarla fuori a pranzo, l'avrebbe invece condotta nel suo appartamento dove l'avrebbe aggredita.