Top

Quando Italo Balbo tranquillizzò Renato Rascel: "La guerra non ci sarà"

Il Governatore della Libia Italo Balbo, fascista ma inviso a Mussolini, incontrò l'attore italiano più famoso dell'epoca e gli disse "se entriamo in guerra con Hitler mi taglio i cosiddetti"

Quando Italo Balbo tranquillizzò Renato Rascel: "La guerra non ci sarà"

Giancarlo Governi

28 Giugno 2019 - 16.10


Preroll

Sono stato amico di Renato Rascel negli ultimi anni della sua vita. Abbiamo lavorato insieme e lui mi ha raccontato tante cose e della sua vita e della sua carriera che ha incominciato ad affermarsi proprio negli anni del fascismo trionfante, dell’im­pero e del consenso che preludono alla catastrofe della guerra. Quegli anni fu­ro­no fondamentali per la crescita del personaggio: in un’epoca senza libertà in cui i copioni cadono sotto le inesorabili forbici della cen­sura, i film vengono ambientati in un’improbabile Unghe­ria dai tele­foni bianchi ed il comico di avanspettacolo deve ricor­rere ai doppi sensi. Rascel proprio in quel clima ha la possibilità di esercitare quella sua comicità assurda, surreale e piena di ‘nonsense’ che diviene un modo per sfuggire alla retorica del tempo e alla volgarità in cui do­vevano rifugiarsi la maggior parte dei suoi colleghi. Ma con le sue espres­sioni strampalate, con i suoi nonsense riuscì anche a centrare altri obiettivi, più’ alti, alludendo a fatti di cui non si poteva parlare aper­tamente. Come successe con la macchietta di E’ arrivata la bufera dove «Con l’acqua che scende/ che scroscia e che va/ Pierino è in angosce/ galosce non ha…», ma è chiaro che l’ango­scia di Pierino è quella che sta attanagliando tutti gli Italiani per la guerra che sta sconvolgendo l’Europa e sta per sconvolgere anche l’Italia.

OutStream Desktop
Top right Mobile

La bufera, secondo il racconto dello stesso Rascel, nacque in Libia, quando conobbe Italo Balbo che allora era il Gover­na­tore della Libia, un capo del regime fascista in odore di eresia, che aveva suscitato le invidie dei Mussolini per le sue imprese aviatorie che lo avevano reso l’italiano più famoso al mondo. In Libia, Balbo non si comportò da fascista ma si prodigò per porre riparo alle infamie di Badoglio, che lo aveva preceduto come governatore: aprì le galere e liberò tutti i prigionieri politici, dette vita a grandi opere che modernizzarono la Libia, come una strada litoranea di 1800 chilometri che arrivava fino in Egitto e che è ancora funzionante, e che porta il suo nome, la Balbia.

Middle placement Mobile

Balbo si era posto più volte in contrasto con Mussolini, soprattutto sull’opportu­nità di allearsi con la Germania di Hitler. Per questo, si mormorava in Italia, il vecchio Triunviro della marcia su Roma, era stato man­dato in esilio. Renato Rascel  gli pose la domanda che tutti gli Ita­liani avevano sulla bocca : «L’Italia entrerà in guerra al fianco dell’alleato tedesco?». Balbo – racconta Rascel – rispose con il suo perfetto accento emiliano:  «Mo senta mo bene, signor Rascel, se l’Italia fa la guerra con Hitler io mi taglio i cosiddetti…» Non se li tagliò, i cosiddetti, anche perché ci fu un epilogo anche per lui: pochi giorni dopo la dichiarazione di guerra, nel giugno del 1940, si alzò in volo per dirigersi a Roma per parlare con Mussolini ma non ci arrivò mai perché il primo colpo della contraerea italiana fu per lui! Un tragico errore, si disse, che però convenne molto al duce.

Dynamic 1

Rascel tornò in Italia e disse a tutti di stare tranquilli, perché la guerra non ci sarebbe stata: glie lo aveva assicurato sua eccellenza Balbo. Ma quando la guerra arrivò davvero non gli rimase che cantare “è arrivata la bufera/ è arrivato il temporale/ chi sta bene e chi sta male/ e chi sta come gli par!”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage