Violate le disposizioni del tribunale: Fabrizio Corona torna in prigione

Il 're dei paparazzi' ha violato più volte il divieto di uscire dal territorio della Lombardia e di frequentare tossicodipendenti: di nuovo a San Vittore

Fabrizio Corona

Fabrizio Corona

GdS 25 marzo 2019
Aveva lasciato San Vittore nel febbraio del 2018 Fabrizio Corona, ma fuori dal carcere non è riuscito a resistere per più di un anno: il re dei paparazzi è stato prelevato dai carbinieri a Milano, in seguito alla sospensione, da parte del magistrato di sorveglianza Simone Luerti, dell'affidamento terapeutico che gli era stato assegnato per disintossicarsi da una dipendenza da cocaina. 
A monte della decisione le plurime violazioni commesse da Corona negli ultimi mesi, che hanno infranto le disposizioni imposte dal giudice: tra queste, per esempio, il divieto di lasciare il territorio della Lombardia, cosa che Corona ha fatto più volte. Oppure, il divieto di frequentare tossicodipendenti o luoghi di spaccio, cosa che invece Corona ha fatto e lo ha persino documentato, avendo compiuto diverse incursioni nel boschetto della droga di Rogoredo per mandato di Massimo Giletti e della sua trasmissione Non è L'Arena.