Top

Quali sono gli imperdibili della Festa di Roma? Ce li racconta Monda, direttore artistico

"Faccio solo tre nomi. Uno per l'Italia, ovvero Una questione privata di Paolo e Vittorio Taviani, mentre per gli stranieri segnalo Detroit e Last Flag Flying"

<picture> Quali sono gli imperdibili della Festa di Roma? Ce li racconta Monda, direttore artistico </picture>

GdS

26 Ottobre 2017


Preroll

Non si potrebbero mostrar preferenze, ma averne è certamente umano. Il pubblico, d’altra parte, è ben curioso di sapere quali sono i film da tenere d’occhio per questa edizione della Festa di Roma: risponde, con riserbo, alla domanda, il direttore artistico Antonio Monda.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Non potrei, ma faccio solo tre nomi. Uno per l’Italia, ovvero Una questione privata di Paolo e Vittorio Taviani, mentre per gli stranieri segnalo Detroit e Last Flag Flying”.

Middle placement Mobile

Per quanto riguarda Detroit, si tratta del nuovo film di Kathryn Bigelow che rievoca uno dei più tragici e sanguinosi episodi della storia statunitense: la sommossa che ha attraversato le strade della metropoli americana esattamente cinquant’anni fa, fra il 23 e il 27 luglio 1967.

Dynamic 1

Last Flag Flying di Richard Linklater è invece la storia di tre reduci del Vietnam (Steve Carell, Bryan Cranston e Laurence Fishburne) che attraversano gli Stati Uniti per seppellire il figlio di uno di loro ucciso durante la guerra in Iraq.

Sul recente rinnovo del suo mandato, dice invece Monda, scrittore e giornalista che vive tra Roma e New York: “Questo tipo di lavoro ha bisogno di tempo per vedere i suoi frutti e tre anni erano pochi per fare un disegno completo.

Dynamic 2

Nel futuro – sottolinea – voglio dare a questa Festa, come era nelle intenzioni dei suoi fondatori, grande dignità internazionale e una dimensione che non sia mai provinciale. È una festa internazionale di cinema che si tiene a Roma e non una festa romana”.

Sul futuro dei festival, spiega ancora Monda: “Va detto che questo tipo di manifestazione sta cambiando forma. C’è sempre più attenzione per il contatto diretto con gli artisti, per questo spingo molto per gli ‘incontri ravvicinati’, ma ovviamente c’è attenzione ai film e alla loro qualità”. I

Dynamic 3

l pubblico, aggiunge, “sta sicuramente cambiando. Quello più giovane vuole film spettacolari, mentre quello più anziano vuole invece sempre più film d’arte. Così bisogna saper dialogare con questi due estremi”.

Per quanto riguarda i fil rouge di questa edizione, che si chiuderà il 5 novembre, “sono due, sport e musica, e del tutto casuali – spiega il direttore artistico -. Lo sport arriva a Roma con temi diversissimi, ci sono film sul tennis (Borg McEnroe e Love Means Zero), Ferrari (Ferrari: un mito immortale) e pattinaggio (I, Tonya), mentre la musica arriva nella capitale con due docu su Bob Dylan (Trouble no more) e su Maria Callas (Maria Callas, In Her Own Words).

Dynamic 4

L’idea di ‘quote’, di qualsiasi tipo, ‘rosa’ o altro, non passa neppure per la testa di Monda: “Unica quota spendibile è la qualità: ebrei, mussulmani, cattolici non fa differenza, a me interessano solo le cose belle”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage