Gli intellettuali si ribellano: no a Belen e Stefano De Martino conduttori de La Notte della Taranta

Un 'appello alla dignità' è stato sottoscritto da 18 firmatari tra intellettuali, universitari e artisti pugliesi.

Belen Rodriguez e Stefano De Martino

Belen Rodriguez e Stefano De Martino

GdS 11 giugno 2019
Molti intellettuali, universitari e artisti hanno sottoscritto un "Appello alla dignità" per evitare che il backstage della famosa Notte della Taranta a Belen Rodriguez e Stefano De Martino. La decisione comunque non è stata ancora ufficializzata da Raidue. 
Il documento è stato sottoscritto da 18 firmatari con in testa l'ideatore dell'iniziativa, il professor Andrea Carlino, storico presso l'Università di Ginevra, e accusa la Fondazione Notte della Taranta, di avere tolto "dignità ad una manifestazione che è stata unico e speciale luogo di studio e di (re)invenzione della tradizione musicale salentina, di metissage culturale e sociale, di coinvolgimento della comunità locale e di lavoro scrupoloso sulle fonti della cultura popolare".
"Ci chiediamo perché - dicono i sottoscrittori - questa paziente costruzione, questo meraviglioso progetto creativo culturale, sociale e politico, debba ora infrangersi vendendo l'anima del Salento al gossip al trash, al populismo, all'acchiappa audience e all'acchiappa chiappe? Non esprimiamo sia chiaro nessuna critica sulle scelte mercantili o artistiche di Raidue, ma la Fondazione Notte della Taranta, il suo presidente, il suo consiglio di amministrazione, il suo consiglio scientifico, perche' assecondano anzi sono complici della trasformazione commerciale e sanremese del Concertone? Perché?"