Top

Alessandro Preziosi, giudice che strappa i giovani alla ‘ndrangheta

Su Rai1 martedì 22 “Liberi di scegliere”, sul metodo del magistrato Roberto Di Bella: far capire ai ragazzi che la criminalità non è un destino segnato

Alessandro Preziosi, giudice che strappa i giovani alla ‘ndrangheta

GdS

18 Gennaio 2019 - 17.28


Preroll

Marco Lo Bianco è un giudice del Tribunale dei minori di Reggio Calabria, vuole strappare i ragazzi alla ‘ndrangheta e nel tempo comprende che “la ‘ndrangheta non si sceglie, si eredita”. E lotterà per vincere con metodi alternativi a quelli consueti della giustizia. È il punto di partenza della fiction “Liberi di scegliere” che Rai1 trasmette martedì 22 gennaio in prima serata con Alessandro Preziosi, Nicole Gramaudo e la regia di Giacomo Campiotti. Dove Preziosi è il giudice del tribunale dei minori che farà comprendere a dei ragazzi destinati al codice della criminalità che esiste un’altra vita, un’altra chance.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Bisogna far capire soprattutto alle nuove generazioni di questo paese che il male ha i giorni contati. Questo tipo di fiction hanno l’obiettivo anche di parlare in maniera non retorica a chi ritiene di essere spacciato che fa in tempo a cambiare direzione. Ai ragazzi che vivono in famiglie e contesti criminali è tolta la possibilità di scegliere ciò che vogliono essere, vinti dalla predestinazione, ma non è sempre così”, ha dichiarato all’Ansa Alessandro Preziosi

Middle placement Mobile

“Quando incontra Domenico, ultimo componente di una cosca di cui anni prima ha arrestato il fratello, decide che è arrivato il momento di dire basta – dice ancora la nota stampa – Lo Bianco e i suoi assistenti si confronteranno con i codici e i sentimenti di quelle famiglie che hanno considerato sempre e solo come cosche criminali. I più giovani, Domenico e Teresa, impareranno che esiste una famiglia allargata, rappresentata dallo Stato e dalla comunità civile, pronta ad aiutarti a realizzare un futuro diverso, in cui poter essere, finalmente, liberi di scegliere”.

Dynamic 1

Firmano la sceneggiatura Monica Zapelli, Sofia Bruschetta, Ivano Fachin, Giovanni Galassi e Tommaso Matano. È una coproduzione Bibi film tv-Rai Fiction, prodotta da Angelo Barbagallo. La fiction è ispirata al metodo di Roberto Di Bella, oggi presidente per il tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria, che cerca di togliere i minori alla stretta morsa della ‘ndrangheta.

“Il giudice di Bella ha dato un grande esempio che, prima di imporla a qualcuno, devi aver centrato tu la scelta. Se nel tuo lavoro sei un professionista determinato, intorno a te avrai un riscontro importante”, ha commentato Preziosi. “Questa è una storia antieroica, ci suggerisce quanto un eroe-non eroe abbia valore nella storia di un Paese quando condiziona la nostra coscienza morale. La scelta è una cosa che lo Stato deve garantire. Se no, non è Stato”. (Cl.Sar.)

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage