Top

Da Jovanotti al palcoscenico: l'afrobeat di Tony Allen in concerto

A Firenze suona il musicista che ha diretto l'orchestra di Fela Kuti e ha lavorato con gente come Flea, Damon Albarn, Paul Simonon

Da Jovanotti al palcoscenico: l'afrobeat di Tony Allen in concerto

GdS

15 Dicembre 2017 - 13.05


Preroll

“Senza Tony Allen non ci sarebbe stato nessun Afrobeat”. Lo dichiarò il maestro del genere, Fela Kuti, musicista nigeriano, geniale, che intrecciò l’afrobeat ai diritti politici negati e che ebbe Tony Allen come direttore d’orchestra. Batterista, compositore, inventore di suoni e ritmi, 77 anni, due settimane fa ha suonato con Jovanotti a “Che tempo che fa” di Fabio Fazio. Con il suo sound carico di funk, pop e uninfinità di influssi Allen venerdì 16 fa l’unica tappa italiana di questo scorcio d’anno: è in concerto per il Festival “Musica dei popoli 2017 – In viaggio…” all’auditorium Flog W Live di Firenze, con la sua band scatenata.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Tony Allen ha collaborato, tra i tantissimi artisti, negli ultimi anni con Damon Albarn (Blur), gli Air, Flea (Red Hot Chili Peppers), Paul Simonon (era colonna dei Clash), Ray Lema, Archie Shepp, Zap Mama. Quest’anno ha pubblicato due nuovi album: “The Source” dai sapori Afrobeat/Funk, e uno speciale tributo a uno dei suoi miti: il batterista jazz Art Blakey e la sua leggendaria band, i Jazz Messengers.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage