Corona urla in aula: vergogna, il giudice lo fa allontanare

Dopo le grida l'udienza è stata sospesa, il giudice Salvini: "Corona questa è un'udienza importante per lei, stia tranquillo"

Fabrizio Corona

Fabrizio Corona

GdS 6 giugno 2017

Alta tensione per l'ex paparazzo Fabrizio Corona oggi in aula a Milano per il processo che lo vede imputato per quei 2,6 milioni di euro trovati in parte in un controsoffitto in parte in Austria e nel quale oggi è stata prevista la requisitoria del pm Alessandra Dolci. Dopo le grida dell'ex "re dei paparazzi", nervoso a causa di una produzione di atti da parte dell'accusa, il presidente del collegio Guido Salvini ha deciso di interrompere momentaneamente l'udienza e di disporre che l'ex agente fotografico venisse portato fuori dall'aula.


Il pm, tra l'altro, dopo alcune osservazioni dei difensori di Corona, aveva deciso di rinunciare alla produzione dei nuovi atti perchè, ha spiegato, "io voglio concludere oggi" con la requisitoria e la richiesta di pena. Il giudice Salvini, prima di interrompere l'udienza, aveva detto: "Corona questa è un' udienza importante per lei, stia tranquillo". L'imputato, invece, da tempo ormai lamenta errori da parte della polizia e della Procura nell'inchiesta.