Top

Rai3 di flop in flop: che fare con Questioni di famiglia?

Logica e parsimonia vogliono che non ci sia un'altra puntata di "Questioni di famiglia", l'ennesimo flop della gestione Vianello di Rai3.

Rai3 di flop in flop: che fare con Questioni di famiglia?

GdS

28 Novembre 2014 - 16.02


Preroll

Come si fa a tenere in vita, ossigenandola con altri soldi, una trasmissione, quella condotta da Marida Pijola, se ricordiamo bene, sfornata dalle scuderie di “Porta a Porta”, quando ha racimolato l’1,48 di share con 386mila ascoltatori? Dispiace per Ilaria Cucchi, che nella trasmissione veste i panni di inviata. Ma lei nella vita ha una causa nobile da portare avanti, una giustizia giusta che non abbia buchi neri, come quello che ha inghiottito suo fratello.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Tornando a Rai3, che dire più di quanto é stato detto? Da flop a flop, con l’apice in Ballarò by Giannini. Una rete con grossi buchi, fatto salvo “Chi l’ha visto?”, format rodato e che, strada facendo, é stato magistralmente corretto dall’impegno giornalistico di Federica Sciarelli, dopo aver lasciato il Tg3 di Bianca Berlinguer. Inchieste da fatti di cronaca che hanno saputo fare notizia e che si sono affiancate ad altre inchieste, vedi Report.

Middle placement Mobile

Le une e le altre – si noti – al di fuori dei Tg, e questo dovrebbe far pensare quanti sono impegnati ( sul piano del rinnovamento, e sul sottoscala della conservazione ) a cambiare l’informazione del servizio pubblico. Nel frattempo, che facciamo con “Questioni di famiglia”? E che facciamo con questa catena di flop di Rai3? Comprensibile l’amicizia, ma nel calcio salterebbe la panchina.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage