Top

Litfiba, Subsonica e Silvestri al Primo maggio di Taranto

Questi alcuni degli artisti che parteciperanno al Concerto del Primo maggio organizzato dal Comitato dei cittadini e Lavoratori liberi e pensanti.

Litfiba, Subsonica e Silvestri al Primo maggio di Taranto

GdS

7 Aprile 2016 - 16.44


Preroll

Sarà un concerto in difesa del territorio interessato dall’impianto siderurgico dell’Ilva quello di Taranto del primo Maggio 2016. Oltre a Litfiba, Subsonica e Silvestri, tra gli altri anche gli Afterhours il Teatro degli Orrori, Niccolò Fabi e i Ministri.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Anche in questa quarta edizione la direzione artistica è affidata all’attore Michele Riondino e al musicista Roy Paci, quest’anno affiancati dal giovane cantautore tarantino Diodato.

Middle placement Mobile

La location è quella del Parco Archeologico delle mura greche dove a partire dalle 14 si esibiranno anche gli LNRipley, Ghemon, i Luminal, Beatrice Antolini, Renzo Rubino, Giovanni Truppi e i Punkreas oltre a una folta truppa di artisti tarantini, guidata dall’Orchestra Mancina e da Mama Marjas.

Dynamic 1

Al concerto, saranno affiancate altre iniziative come mostre, rassegne cinematografiche, spettacoli teatrali, eventi sportivi e musicali. “Un modo per dimostrare che Taranto non deve vivere di sola industria inquinante e per mettere in risalto le potenzialità del suo patrimonio artistico e culturale, fatto di una rinascita complessiva della città e del territorio” ha spiegato Riondino.

La manifestazione è come sempre interamente autofinanziata, ma per la prima volta gli organizzatori hanno accettato il contributo di un partner: la squadra di calcio del Taranto che milita in serie D e che domenica si scontrerà con il Potenza.

Dynamic 2

Il club ha deciso di destinare agli organizzatori del Concerto un euro su ogni biglietto acquistato. “Non che negli anni siano mancati aziende e soggetti pronti a diventare nostri sponsor» ha spiegato ancora Riondino, «ma su questo facciamo molta attenzione. Nel nostro territorio la Shell, la Total e la Mitsui sono sponsor di molte manifestazioni sportive, ci risultano loro finanziamenti anche alla Curia e all’Orchestra della Magna Grecia, che dunque predicano bene ma razzolano male. Noi non abbiamo mai accettato soldi dalle compagnie petrolifere, l’avessimo fatto avremmo dovuto nasconderci”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage