Amadeus, stop alle polemiche: su Sanremo si rimetterà alle decisioni di Cts e Rai

Il conduttore e direttore artistico è convinto che un Festival con il pubblico sia migliore, ma andrà avanti per le persone impegnate a metterlo in piedi

Amadeus, direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo

Amadeus, direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo

GdS 30 gennaio 2021

Sembrava a un passo dalle dimissioni quando il ministro della Cultura Franceschini aveva ribadito che l’Ariston dovrà rimanere vuoto (come tutti i teatri d’Italia) nelle serate del Festival di Sanremo.

Invece Amadeus compie un passo avanti verso il festival, tornando sul campo per la registrazione del nuovo spot della Tim, sponsor unico per Sanremo.

Il conduttore e direttore artistico, dopo le riflessioni di questi giorni, ha scelto di proseguire il lavoro e di rimettersi alle decisioni del Cts e della Rai.

La convinzione di Amadeus  resta che un festival con il pubblico sarebbe più bello e più giusto (visto che gli altri programmi televisivi possono avere i figuranti) ma non andrà al muro contro muro, nel nome del tanto lavoro già fatto per il festival, delle persone impegnate a metterlo in piedi, degli artisti coinvolti nella gara che hanno progetti discografici già calendarizzati e soprattutto del pubblico che si aspetta di vedere Sanremo in tv.