Sanremo, Hunziker su Amadeus: “Parole sbagliate sulle donne”

La conduttrice svizzera: per il 70esimo Sanremo serviva più attenzione. Antonella Clerici lo difende. Monica Bellucci non va (ma non per le polemiche)

Michelle Hunziker nel suo video su Instagram

Michelle Hunziker nel suo video su Instagram

GdS 20 gennaio 2020
Amadeus perde un’ospite eccellente. Monica Bellucci fa sapere tramite ufficio stampa che non andrà a Sanremo: “Il signor Amadeus ed io ci siamo incontrati mesi fa ipotizzando un progetto insieme. Purtroppo, per cause maggiori, non siamo riusciti nel nostro fine. Auguro un bel Festival a lui e al suo team e spero in un'altra possibilità nel futuro”. L’Ansa fa sapere che il forfait non dipende dalle polemiche sulla frase sessista del conduttore alla conferenza stampa del 14 gennaio (ha elogiato le donne che a suo parere sanno fare un passo indietro rispetto al loro uomo riferendosi a Francesca Sofia Novello, tra le ospiti, fidanzata di Valentino Rossi) né da un mancato accordo sul cachet. Incuriosisce magari il formale “signor Amadeus” come si parlasse di una trattativa giudiziaria o burocratica.

Sull’argomento "donne" interviene invece Michelle Hunziker, che aveva condotto il festival nel 2018 con Claudio Baglioni e Pierfrancesco Favino. Sul suo profilo ufficiale Instagram la showgirl ha postato un video e scrive: “Siamo in tanti a cercare di invertire una cultura profondamente sbagliata rispetto alla percezione che hanno le donne in questo paese... ma evidentemente non basta... avanti tutta!! #sanremo2020”.
Nel video approfondisce dicendo: “Devo dire, per esperienza, che è davvero faticoso ogni volta avanzare, perché la vecchia e sbagliata cultura è davvero ancora profondamente radicata, difficile da estirpare. Dietro ogni piccola battaglia vinta, c'è un sacrificio fatto da donne e uomini che sono stufi di confrontarsi ancora nel 2020 con i soliti preconcetti, i quali tra l'altro portano inevitabilmente a discriminazione, violenza psicologica, fisica e, nei casi più estremi e purtroppo sempre più frequenti, al femminicidio... Sarebbe stato veramente bello vedere che un appuntamento mediatico così importante come il festival di Sanremo avesse una particolare sensibilità per le donne. E invece no. E proprio nel 70mo compleanno del festival non hanno prestato attenzione e sensibilità verso un tema così importante: il nostro futuro”. Michelle Hunziker parla chiaramente: “Anche perché certe parole, dette con superficialità, possono diventare pesanti come macigni, soprattutto se dette in una conferenza stampa davanti a tutto il paese. Detto questo faccio i miei auguri e spero che vada tutto bene, resto la fan numero uno del festival”.

Prende invece le parti di Amadeus e prova a gettare acqua sul fuoco Antonella Clerici, anche lei tra le ospiti, intervistata dall’Ansa difende Amadeus: “Le polemiche sono il sale del festival, fanno parte delle regole del gioco e ci sono sempre state. Io posso dirlo: nel ‘mio’ Sanremo ci fu il caso Morgan. Ma poi devono esaurirsi, specie se fondate sul nulla, perché c'è un limite a tutto”. Per la conduttrice e show-woman i social che “amplificano tutto sempre”. Intorno a Sanremo “si facevano i gruppi d'ascolto discutendo di canzoni e look, ora il gruppo è trasferito online, ma bisogna dare il giusto peso alle cose e senza essere offensivi. A me quando capita di ricevere critiche pesanti non le accetto e banno il profilo”. E su Amadeus: “Ama è un amico e io vivo questa cosa come un divertissement. Sarò nella serata del venerdì, quella abbinata ai giovani, e io la musica giovane l'ho sempre seguita da Ti lascio una canzone a Sanremo Young. L'idea insomma mi divertiva”.