“Tumaranké”, i giovani emigrati si raccontano su Sky Arte

Un documentario raccoglie filmati girati con lo smartphone da ragazzi approdati in Italia

Un fotogramma da Tumaranké dal sito di Sky Arte

Un fotogramma da Tumaranké dal sito di Sky Arte

GdS 19 agosto 2019
Un documentario girato con lo smartphone da un gruppo di under 18 emigrati in Italia e con ben 38 testimonianze dirette. Va in onda stasera lunedì 19 agosto alle 21.15 su Sky Arte e si intitola Tumaranké, parola che – spiega il sito dell’emittente, nella lingua bambara dell’Africa occidentale “definisce chi si mette in viaggio alla ricerca di un futuro migliore”.

Il film nasce da un corso in cui si è insegnato a un gruppo di minori a fare film e leggere le immagini nel progetto “Re-future” a un gruppo di minori. Sono loro a raccontarsi e a raccontare le loro esperienze, le paure, i desideri, l’ingresso in Italia. Sempre Sky Arte segnala tra i tanti il 17enne del Gambia Mor, “che si riprende mentre scrive un diario per poter raccontare un giorno ai suoi figli questo momento della sua vita”, mentre Ahmed, della Costa d’Avorio, “ha filmato i suoi amici, le lezioni a scuola e la vita a Ortigia”, Lamin, della Guinea, si è ripreso “mentre ripara uno smartphone e formatta un computer”.

Un migliaio i video realizzati. Hanno curato e selezionato i filmati e curato il montaggio Marta Tagliavia e Camilla Paternò.

Il link alla notizia di Sky Arte