Simona Arrigoni a La vita in diretta: con l'ennesima esterna in Rai parte l'esposto

A Saxa Rubra dicono sia arrivata in Rai in quota Lega. Qui niente di nuovo.

Simona Arrigoni

Simona Arrigoni

GdS 1 luglio 2019

La notizia è che da uno studio legale è partita la richiesta di un intervento della magistratura, il parere della Corte dei Conti, la magistratura che si occupa del corretto uso dei soldi pubblici e di eventuali responsabilità negli sperperi.
Una delle gocce che hanno fatto traboccare il vaso, lei, la signora nella foto, dolcemente seduta su una valigia, un po' in stile pin up: Simona Arrigoni, che nel profilo Facebook ci ricorda di aver lavorato a 7 Gold. La valigia, perché oggi inizia il suo viaggio a La Vita in Diretta di Rai Uno. Nell'annunciarlo, lancia l'indovinello: "Secondo voi, quale sarà la prima tappa. Appuntamento alle 16.50. Vi aspetto!!!!". Non mancheremo, aggiungiamo noi, curiosi di seguirti e di conoscere la prima tappa. E le altre.



Simona Arrigori, dunque, ancora una esterna. A Saxa Rubra dicono sia arrivata in Rai in quota Lega. Qui niente di nuovo. Negli ultimi tempi, con passo da rinoceronte, la Lega non ha avuto riguardo neanche del timido alleato grillino. Taci e subisci. Simona Arrigoni, sempre su Facebook, promette di portarci alla scoperta dell'Italia. Aggiunge che sarà l'occasione per incontrarci. Ci saremo, in compagnia di una folla di giornaliste e giornalisti interni minimamente considerati.



Ancora una esterna, dunque, in Rai, nella Rai di Salvini con strapuntino leghista. Questo, in barba all'enorme bacino interno di professioniste e professionisti. E qui sta il senso dell'azione legale, indirizzata soprattutto alla magistratura contabile. Perché si continuano a pagare esterni in presenza di tanti interni capaci e disposti a coprire ruoli nei programmi di Rete? Peraltro in Rai ricordano che qualche anno addietro l'Azienda mise su un mega programma di mappatura delle forze, delle professionalità, delle potenzialità delle attitudini e delle disponibilità interne. Sembrava l'inizio di un uso diverso delle risorse, per tutte le esigenze, non solo quelle legate all'informazione.
Di quella mappatura non si è fatto proprio niente, anzi nel frattempo si sono fatti anche discutibili e assai discussi job posting che in un sol colpo, scoprendo incredibili altarini ( come nel caso della corrispondenza di Parigi ) hanno reso carta straccia le declamate, false, buone intenzioni. Si procede come sempre, peggio di sempre. L'amministratore delegato, salini sta a guardare. Probabile debba parlare, alla magistratura contabile