“Figli del destino”, in tv il racconto dei piccoli ebrei cacciati dal fascismo

Su Rai1 mercoledì 23 una docufiction sulle leggi razziali del 1938. Cosa accadde a quattro bambini e cosa raccontano oggi da adulti: Liliana Segre, Tullio Foà, Lia Levi e Guido Cava

Un momento dei “Figli del destino”

Un momento dei “Figli del destino”

GdS 21 gennaio 2019
Come ricorderete, nel 1938 il regime fascista emanò le leggi razziali che discriminavano gli ebrei. Allora non potevano saperlo, oggi sappiamo che fu un antefatto all’Olocausto. Tre tante tragiche conseguenze, ogni studente ebreo di qualunque età fu cacciato dalla scuola. Ricostruisce la storia di quattro di quei bambini “I figli del destino”, docufiction in onda su Rai1 mercoledì 23 gennaio alle 21.25 girata da Francesco Micciché e Marco Spagnoli. Con Massimo Poggio, Massimiliano Gallo e la partecipazione di Valentina Lodovini, “I figli del destino” si inserisce nella programmazione del Giorno della memoria di domenica 27.

I quattro bambini? Oggi sono adulti. Sono Liliana Segre, Tullio Foà, Lia Levi e Guido Cava. Il documentario comprende interviste a queste persone straordinarie e sopravvissute alla Shoah mentre nella parte narrativa piccoli e grandi interpretano loro quattro e altri personaggi.

La Rai ha presentato “I figli del destino” a Viale Mazzini e alla conferenza stampa Lia Levi ha ricordato che “raccontare è fondamentale. La memoria non è ricordo, è elaborazione. La consapevolezza aiuta i giovani e la società“. E Tullio Foà ha osservato come una delle domande più frequenti a cui deve rispondre quando va nelle scuole e se si vuole vendicare. “La mia risposta è no. La vendetta non mi appartiene, la vera vendetta è continuare a raccontare la mia storia finché potrò“.

Tra gli attori figurano anche Patrizio Rispo, Chiara Bono (nel ruolo della senatrice a vita sopravvissuta al campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau Liliana Segre), Giulia Roberto (fa Lia Levi), Catello Di Vuolo (è Tullio Foà) e Lorenzo Ciamei (impersona Guido Cava, oggi presidente emerito della Comunità ebraica pisana). Valentina Ludovini è la mamma di Tullio Foà.