"Presadiretta" riparte da politiche energetiche e Ricciardi

Lunedì 7 su Rai3 riprende il programma di approfondimento e inchieste di Riccardo Iacona: ecco di cosa parlerà

Riccardo Iacona a "Presa diretta"

Riccardo Iacona a "Presa diretta"

GdS 4 gennaio 2019
Nella consueta staffetta del lunedì in prima serata su Rai3 tra due programmi d'inchiesta e approfondimenti come "Report" e "Presa diretta", da questo 7 gennaio torna la trasmissione condotta da Riccardo Iacona. Nove le serate. L'approfondimento è per il giornalista il "genere nobile della tradizione giornalistica". Iacona ritiene che approfondire spetti soprattutto al servizio pubblico dacché il resto si trova tranquillamente altrove e le notizie corrono ovunque frammentarie. Il conduttore valuta che Rai3 abbia buoni risultati di ascolto perché organizza le notizie, approfondisce, ne dà un senso quando è sempre più frequente imbattersi in fake news. Oltre alle denunce il programma conferma la scelta di dare anche buone notizie.
Tra i temi in programma uno decisivo è sulle elezioni europee in calendario a maggio ma, ha anticipato Iacona, filtrerà in molte inchieste. Altri argomenti: la disuguaglianza, le tensioni sociali, la giustizia in difficoltà sempre più gravi, il cambiamento climatico, la sanità pubblica, la guerra dei dazi di Trump.
Lunedì 7 l'argomento è l'inchiesta “Fossile, il lungo addio” sulle politiche energetiche in Italia. Con tappe alle isole Eolie dove, registra il giornalista, nonostante ci sia tanto vento tutto a gasolio, e in Costa Rica, primo paese al mondo - dichiara il giornalista nato a Roma nel 1961 - nell'uso delle energie rinnovabili. Lunedì "Presadiretta" manda anche un'intervista a Walter Ricciardi, che si è dimesso da presidente dell'Istituto Superiore di Sanità perché contrario alle posizioni "antiscientifiche" del governo giallo-verde.