Fabio Fazio torna sul contratto: contro di me inusuale violenza verbale

Il conduttore: non avevo preso un impegno con La7, poi mi hanno fatto una proposta esaltante e sono rimasto

Fabio Fazio

Fabio Fazio

GdS 28 giugno 2017

I soldi sono tanti. Ed era evidente che la cosa non sarebbe passata sotto silenzio. Dopo le polemiche che hanno accompagnato la vicenda del suo rinnovo contrattuale e del passaggio sui Rai Uno Fabio Fazio ha parlato di "polemiche che con inusuale violenza mi sono state scaricate addosso" alla presentazione dei palinsesti autunnali della Rai.
Salendo sul palco dopo l'intervento del direttore generale Orfeo il conduttore ha detto: "Non serviva invocare una sommossa popolare o un kalasnikov per capire che c'è qualcosa che non va - ha detto - sono un po' in imbarazzo, mi dispiace che un passaggio così importante per me debba essere segnato da un discorso su cose che non riguardano il mio mestiere, la Tv, ma mi sono state scaricare addosso polemiche con inusuale violenza. Ho subito la violenza verbale anche di alcune istituzioni che non mi permettono di fare il discorso che volevo".
Fazio ha chiarito cosa intendenza quando ha parlato di ingerenza politica nella vicenda : "Ho detto che era dal punto di vista gestionale per la prima volta, quando si arriva a decidere tetti dall'esterno su stipendi dei manager o di chi va in video o definire l'artista o quanta pubblicità in una rete è un elemento di novità" ha detto.
Il conduttore ha citato il vice presidente del Senato Gasparri, il quale ha detto di aver sentito tutte le reti sul suo eventuale contratto con la concorrenza: "Io ho rispetto per le istituzioni ma sono in grado di dimostrare il contrario. Io avevo preso un impegno ma non ho mai detto che fosse con La7, li ho sentiti smentire ma l'ha detto Fiorello, io avevo una scadenza e un impegno presi altrove dalla mezzanotte del 23. La Rai mi ha fatto una proposta importante ed esaltante, sono molto contento di averla ricevuta seppure in extremis perché era mia volontà rimanere in quello che considero il mio Dna. Se ho cercato di rimanere e perché conosco il valore della Rai. Penso che la Rai non sia ingenua e abbia fatto i suoi calcoli" ha aggiunto.
Poi ha anche detto che se l'azienda dovesse ripensarci sarebbe disposto a fare un passo indietro, Orfeo ha però chiarito che Fazio "guadagna come l'anno scorso producendo più ore di programmi" e che le cifre del suo nuovo accordo "portano vantaggio alla Rai in termini di valore di prodotto ed economici".