Daniela Poggi dà voce alla vertigine di Emily Dickinson

L’attrice interpreta l'enigmatica poetessa e la sua opera in un debutto al Niccolini di Firenze

Daniela Poggi in “Emily Dickinson. Vertigine in altezza”. Foto Filippo Manzini

Daniela Poggi in “Emily Dickinson. Vertigine in altezza”. Foto Filippo Manzini

GdS 22 novembre 2019
La poetessa Emily Dickinson visse sempre nel villaggio di Amerst nel Massachussetts. Di fatto si recluse nella casa di famiglia. Morì nel 1886 a 55 anni. Da quell’angolo di mondo compose una delle opere poetiche più impressionanti, oltre un migliaio di liriche di una modernità perfino sconcertante. Le rende omaggio una capace attrice di teatro, televisione e cinema, Daniela Poggi, nello spettacolo in prima nazionale al Teatro Niccolini di Firenze Emily Dickinson – Vertigine in altezza di Valeria Moretti: da sabato 23 novembre a primo dicembre, la pièce ha la regia di Emanuele Gamba ed è prodotta dalla Fondazione Teatro della Toscana.

Il testo drammaturgico di Valeria Moretti percorre l’esistenza della poetessa attraverso le sue parole, i suoi versi. E il termine “vertigine” è appropriato per un’autrice amante della natura, in perenne meditazione sulla morte e l’al di là in un ambiente puritano, che accostava parole con salti mentali e metafore stupefacenti, tanto più stupefacenti perché sono sembrate parole dai ritmi e dalla scansione degna di una qualche avanguardia letteraria del XX secolo.

“Il tentativo è di far rivivere piccole sfumature, che ho potuto cogliere nelle sue poesie e attraverso le varie biografie che hanno scritto su di lei – dichiara Daniela Poggi nelle note stampa - In scena indosso una parrucca e un abito meraviglioso di Elena Bianchini, realizzato da Eleonora Sgherri, che ci riporta all’epoca rappresentata: ho voluto cercare di entrare totalmente in lei, anche a partire dalla fisicità, descrivendo la sua gioia di vivere e anche il dolore con cui ha affrontato la malattia che ha inferto duri colpi al suo corpo”.

Lo spettacolo dura poco più di un’ora. Su Emily Dickinson si ricordano un recente film, ben fatto, e una serie tv.