Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini sono Dracula e il suo avversario in sala

Debutta a Firenze, poi a Roma e in tournée un nuovo adattamento teatrale dal romanzo di Bram Stoker sul principe delle tenebre

Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini

Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini

GdS 5 marzo 2019
«Dracula rappresenta il male in assoluto, che ci travolge, che ci seduce». E «tutte le paure dei personaggi del romanzo partono dall'inconscio, ma Bram Stoker non ne era consapevole». Sono alcune delle osservazioni che Sergio Rubini ha affiato a Emilia Costantini sulla Lettura del Corriere della Sera andata in edicola domenica a proposito dell'adattamento teatrale di Carla Cavalluzzi e dell'attore e regista dal romanzo sul principe dei vampiri che debutta in prima nazionale da oggi 5 marzo a domenica al Teatro della Pergola di Firenze per poi andare dal 3 al 14 aprile all'Ambra Jovinelli di Roma e in tournée.

Si tratta di una produzione del Nuovo Teatro diretto da Marco Balsamo con la Fondazione Teatro della Toscana. Protagonisti sono Sergio Rubini, che ne è regista e interpreta il professor Abraham Van Helsing, che combatte Dracula, e Luigi Lo Cascio nel ruolo del principe succhiasangue.

Con scene di Gregorio Botta, costumi di Chiara Aversano, musiche di Giuseppe Vadalá, progetto sonoro diel G.u.p. Alcaro, con Lorenzo Lavia, Roberto Salemi, Geno Diana, Margherita Laterza, è una "discesa notturna nell’ignoto". Una discesa che inizia quando il giovane procuratore londinese Jonathan Harker va in Transilvania per curare l’acquisto di un appartamento a Londra da parte del Conte Dracula". E "non sa la sciagura che lo attende, ma immediatamente, appena ha inizio il suo viaggio, si ritrova avvolto in un clima di mistero e di scongiuri" davanti a un "uomo vestito di nero, dagli occhi sporgenti e troppo rossi, dai denti troppo bianchi e aguzzi, dalle mani troppo grandi e le dita così affilate che sembrano artigli".

Rubini ha spiegato che lui e Carla Cavalluzzi si sono focalizzati sui principali del romanzo gotico pubblicato nel 1897. Venerdì 8 marzo, alle 18, Lo Cascio, Rubini e la Compagnia incontrano il pubblico. Coordina Matteo Brighenti. L’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti disponibili.