L'Arminuta diventa spettacolo all'Aquila con Lucrezia Guidone

Debutta nella sala con la direzione artistica di Cristicchi uno spettacolo tratto dal bel romanzo di Donatella Di Pietrantonio

Lucrezia Guidone da Twitter

Lucrezia Guidone da Twitter

GdS 25 febbraio 2019
In poco oltre le cento pagine Donatella Di Pietrantonio aveva riversato, nel romanzo "L'arminuta", il passaggio dolente e tormentato di una tredicenne, l'Arminuta appunto, dalla povertà di un paesino abruzzese al suo collocamento presso una famiglia a lei estranea in città a Pescara per ragioni che non conosce. Da quell'ottima prova su un distacco dalla famiglia naturale a quella accogliente d'adozione, da una storia di povertà sociale e riscatto attraverso l'intelligenza e curiosità di una ragazzina, Giacomo Vallozza ha ricavato una riduzione teatrale che debutta nel Ridotto del Teatro comunale dell'Aquila giovedì 28 febbraio alle 21 e venerdì primo marzo alle 17,30 con Lucrezia Guidone come protagonista e regista.

Lo spettacolo è una nuova produzione del Teatro Stabile d’Abruzzo diretto da Simone Cristicchi, versatile cantante e conta-storie che da sempre promuove o interpreta lui stesso un teatro di narrazione. Dopo le prime due repliche lo spettacolo andrà in tournée dalla prossima stagione teatrale in tutta Italia.

L'Arminuta ha vinto il premio Campiello nel 2017. Lucrezia Guidone, pescarese, lanciata da Luca Ronconi, ha vinto più premi teatrali tra cui l'Ubu nel 2012 come attrice under 30. La affianca in scena Beatrice Vecchione, diplomata alla scuola del Teatro Stabile di Torino. Con il coordinamento artistico di affidato a Alessandro Businaro, scene di Gregorio Zurla, luci di Pamela Cantatore, il sound di Dario Felli.