Pupi, cunti e magie: ecco la Macchina dei sogni

A Roncisvalle, in Spagna, è approdata una tappa del festival teatrale di narrazione dei Figli d'arte di Mimmo Cuticchio. Le storie dei Paladini di Francia rivivono tra canti e racconti

La Macchina dei sogni

La Macchina dei sogni

GdS 28 luglio 2018

di Chiara D'Ambros


 


Ogni estate l’Associazione Figli d’Arte Cuticchio, di Mimmo Cuticchio organizza un festival teatrale di narrazione e teatro di figura in cui le storie narrate dagli ospiti del festival e quelle dei Paladini di Francia, le cui gesta vengono raccontate sia attraverso i pupi che dal Maestro Cuticchio attraverso il cunto, e altre forme di teatro di figura, si intrecciano con un luogo della Sicilia.


Quest’anno in occasione della trentacinquesima, dopo una tappa Palermitana la Macchina dei Sogni, questo il nome del festival, è approdata a Roncisvalle. Il palcoscenico questa volta sarà il luogo reale in cui le vicende di Carlo Magno sono avvenute, “là dove tutto cominciò”.


Una folta compagnia di giro tra cui 12 attori, allievi di Mimmo Cuticchio, con il Maestro, i componenti della sua compagnia e altri ospiti del festival è partita giovedì 26 luglio da St.Jean Pied de Port per Orisson seguendo la prima tappa del Cammino di Santiago de Compostela. Prima di partire però ha donato alla cittadina ospitante una parata per le vie della storica cittadina e un evento al mercato coperto dove adulti e bambini hanno viaggiato con l’immaginazione tra canti e racconti.


Ieri venerdì 27 ha i percorso 18 kilometri della seconda tappa del Cammino arrivando così a Roncisvalle. Lungo il percorso sono state fatte varie tappe nelle quali attori e narratori hanno raccontato altre storie. In ciascuna tappa il pupo Orlando, protagonista delle vicende che verranno inscenate a Roncisvalle, è stato vestito via via delle sua armatura. Gli servirà per la battaglia finale. La vicenda verrà raccontata da Mimmo Cuticchio ma come è tradizione nella storia dei pupi alla fine di un episodio, vi rimandiamo al prossimo racconto di questo viaggio per sapere come va a finire.


Assieme ai narratori, 12 “Pari” così sono stati definiti nel programma della manifestazione, tra oggi e domani interverranno sul tema proposto: “La Straziante e Meravigliosa bellezza del creato”, citazione tratta dal film di Pier Paolo Pasolini “Che cosa sono le Nuvole”. Tra gli ospiti Giuseppe Barbera, Corrado Bologna, Padre Giuseppe Bucaro, Beatrice Monroy, Gianni Puglisi, Giuliano Scabia, Marino Sinibaldi. Uomini e donne che si battono per la diffusione della cultura e la difesa dell’ambiente.


Riporteremo qui alcune delle principali riflessioni, accanto alle storie narrate.


Testimoni di evento che si svolge tra conoscenza, sogno e immaginazione.