Spagna, rapper condannato. Nelle sue canzoni ingiurie al re

Valtonyc è latitante e avrebbe scelto l'esilio in Belgio: "disobbedire è un obbligo davanti a questo Stato fascista"

Valtonyc

Valtonyc

GdS 24 maggio 2018

La Audiencia Nacional di Madrid ha emesso un mandato di arresto internazionale contro il rapper maiorchino Valtonyc, all'anagrafe Josep Miquel Arenas, fuggito all'estero dopo essere stato condannato a 3 anni e sei mesi di carcere per ingiurie al re, minacce e glorificazione del terrorismo nei testi delle sue canzoni.
Oggi scadeva il termine per il suo ingresso volontario in carcere dopo che la corte costituzionale ha respinto il suo ricorso contro la condanna, ma non è chiaro dove si trovi. Il rapper 25enne avrebbe scelto l'esilio facendo perdere le sue tracce così come aveva annunciato mercoledì dal suo profilo twitter. "Domani la Spagna si renderà ridicola, ancora una volta. Non gli faciliterò le cose. Disobbedire è legittimo, è un obbligo davanti a questo Stato fascista. Nessuno si arrenda".
Secondo la stampa catalana Valtonyc potrebbe trovarsi in Belgio, o in un altro paese europeo. La sua condanna ha suscitato numerose proteste in Spagna e in Europa, in nome della libertà di espressione e il diretto interessato ha presentato un ricorso alla Corte europea dei diritti umani. Intanto su Twitter è partita la campagna con l'hashtag #ValtonycEstaEnMICasa, Valtonyc è a casa mia.