Le mani su Napoli di Montesano narrate da Toni Servillo

L'attore intepreta "Eternapoli", pagina musicale di Fabio Vacchi al Teatro San Carlo su una famiglia padrona della città

Toni Servillo

Toni Servillo

GdS 13 febbraio 2018

Il bravissimo Toni Servillo è protagonista del melologo (opera musicale per voce recitante) del compositore Fabio Vacchi “Eternapoli” per attore, attrice, coro misto e grande orchestra su testo dello scrittore Giuseppe Montesano. Lo spettacolo-concerto va in prima assoluta venerdì 16 alle 20.30 e sabato 17 febbraio alle 18 al Teatro San Carlo di Napoli. Sul podio dell’orchestra e del coro della sala partenopea sale Donato Renzetti. La seconda voce recitante è di Imma Villa.


Riportiamo di seguito la nota dell’ufficio stampa: “L’idea di partenza è il romanzo di Montesano Di questa vita menzognera pubblicato nel 2003. La vicenda narra di una famiglia di imprenditori napoletani privi di scrupoli, che godono i favori del potere centrale, padroni incontrastati della città in cui impiantano un nuovo concetto di “economia”. Vivono in un palazzo settecentesco che riecheggia in maniera grottesca un presunto fasto borbonico. Loro unico progetto esistenziale è distruggere e ricostruire, vendere Napoli, il Golfo, il Vesuvio, e fare Eternapoli, una sorta di enorme parco tematico”.