La "Boheme" di Vick e Pappano vincono i premi della classica Abbiati

I critici assegnano più riconoscimenti alla Scala: chi sono tutti i premiati della lirica e dei concerti del 2018 in Italia

La Boheme di Graham Vick al Comunale di Bologna

La Boheme di Graham Vick al Comunale di Bologna

GdS 15 aprile 2019
I critici musicali che assegnano il premio Abbiati ai migliori artisti e spettacoli dell'anno passato per il 2018 hanno decretato come vincitrice la Bohème di Puccini con la regia di Graham Vick e diretta da Michele Mariotti, rappresentata al Comunale di Bologna. I giurati hanno votato Antonio Pappano per la direzione di West Side Story in forma di concerto con l'Accademia di Santa Cecilia di Roma.

Ha ricevuto una menzione speciale Fin de Partie, opera in prima assoluta di Gyorgy Kurtag che ha esordito alla Scala a novembre. La novità selezionata per l'Italia è Richard III del compositore Giorgio Battistelli andato in scena alla Fenice di Venezia.

I critici hanno premiato il basso Ildar Abrazakov, protagonista dell'Attila del 7 dicembre alla Scala e il soprano Federica Lombardi. La miglior regia è andata a Deborah Warner per il Billy Bud di Britten andato in scena all'opera di Roma. Solista è stato scelto Enrico Onofri, il quartetto Caravaggio riceve il premio Farulli, Leslie Travers premiata per le scene di Francesca da Rimini di Zandonai alla Scala, Giuseppe Palella per i costumi di Romeo e Giulietta di Vaccaj al festival di Martina Franca e per l'Orlando Furioso al Malibran di Venezia. Per l'iniziativa musicale ha vinto Ghislieri musica.