Mogol si riscopre leghista: "Una canzone su tre deve essere italiana"

Mogol, presidente della Siae: "Bisogna puntare sulla musica italiana e tutelare la nostra tradizione".

Mogol

Mogol

GdS 26 febbraio 2019
Il presidente della Siae Giulio Rapetti, in arte Mogol, ha scritto così lettera ai suoi associati in cui chiede di appoggiare la proposta di legge a prima firma Alessandro Morelli, presidente della commissione Trasporti e telecomunicazioni della Camera, che prevede che in radio una canzone su tre sia italiana.
"Cari Associati, da qualche settimana si parla molto di una proposta di legge dal titolo 'Disposizioni in materia di programmazione radiofonica della produzione musicale italiana'". Inizia così la lettera di Giulio Rapetti Mogol in cui fa riferimento alla proposta di legge di Alessandro Morelli, presidente della commissione Trasporti e Telecomunicazioni della Camera, nella quale si chiede che "le emittenti radiofoniche, nazionali e private debbano riservare almeno un terzo della loro programmazione giornaliera alla produzione musicale italiana, opera di autori e di artisti italiani e incisa e prodotta in Italia". Una proposta di legge, sottolinea il presidente della Siae, che "richiama altri esempi in Europa, come il sistema delle quote, utilizzato da molto tempo in Francia, dove dal 1994 le radio sono obbligate a trasmettere musica francese per una percentuale pari almeno al 40% della programmazione giornaliera". E ricordando che si tratta di un argomento "ampio e complesso", "già affrontato in passato con diverse proposte", fa presente come "in base ai nostri dati medi di ripartizione dei diritti d'autore, relativi al periodo 2010-2017, su dieci stazioni radiofoniche, soltanto quattro rispetterebbero la soglia del 33% della proposta di legge dell'onorevole Morelli". Insomma, "tale iniziativa avrebbe dunque un impatto positivo sul mercato radiofonico italiano, generando maggiori introiti in diritti d'autore e in diritti connessi e contribuendo ad aumentare la quantità di musica prodotta in Italia", scrive ancora Mogol che conclude: "Come sapete, promuovere la musica italiana significa infatti sostenere l'industria culturale del nostro Paese e quindi le tante persone che ci lavorano. Per questo motivo chiedo a tutti voi di contribuire a questa battaglia per la valorizzazione della nostra musica nelle radio. Qualsiasi vostra iniziativa sarà preziosa affinché si affermi il principio che la musica italiana fa parte del nostro patrimonio culturale e in quanto tale va valorizzata e difesa".