Via del Canto, musiche dal mondo con migranti (e Giovanna Marini)

A Fano e Pesaro quattro giorni di concerti e laboratori con il coinvolgimento di comunità locali e migranti

Coumba Gawlo

Coumba Gawlo

GdS 20 ottobre 2018

Capo Verde, Senegal, Albania, Italia e Pakistan: sono le aree al centro del primo "Via del Canto", festival di musiche dal mondo in calendario dall’1 al 4 novembre a Fano e Pesaro. Sette concerti e tredici workshop per quattro giorni al Pala J Marina dei Cesari e alla Pinacoteca San Domenico a Fano, al Teatro Rossini e al Grà a Pesaro. Fra i protagonisti, la signora del folk italiano Giovanna Marini (il 3), la danzatrice e attivista per i diritti civili pakistana Sheema Kermani (il 2) e la cantante senegalese Coumba Gawlo (il 4).
Con il titolo che parafrasa il libro "Le vie dei canti" di Bruce Chatwin, la rassegna ideata e diretta da Anissa Gouizi e Frida Neri ha in programma di coinvolgere i migranti ospiti dei centri Sprar, i minori non accompagnati e le comunità del territorio nella produzione del festival stesso, dall’ospitalità e la gestione logistica alla mediazione culturale e alla ristorazione.


Tutte le info sul sito del Via del Canto Festival