Shel Shapiro e Maurizio Vandelli rifanno “Che colpa abbiamo noi”

Dalla hit dei Rokes del beat italiano a un album dei due musicisti dei Rokes e dell’Equipe 84

Shel Shapiro e Maurizio Vandelli. Foto Angelo Trani

Shel Shapiro e Maurizio Vandelli. Foto Angelo Trani

GdS 31 agosto 2018

Ha il sapore della nostalgia, ma confidiamo non vogliano attardarsi troppo su pur inevitabili rievocazioni nostalgiche, Shel Shapiro (The Rokes) e Maurizio Vandelli (la voce e leader dell’Equipe 84) che da oggi 31 agosto sono in radio con un brano storico del beat italiano, “Che colpa abbiamo noi”, con testo di Mogol, stavolta riarrangiato e prodotto da Diego Calvetti.


Le parole del 1966 vedevano “un mondo vecchio che ci sta crollando addosso ormai… ma che colpa abbiamo noi” e forse si possono applicare anche all’Italia di oggi, dove crollano ponti e chiese antiche e soprattutto sembra crollare il senso del vivere civile e di umanità. La registrazione anticipa l’uscita dell’album “Love and Peace” per Sony Music (il 21 settembre) e un tour prodotto da Trident Music (al via da Firenze il 10 dicembre al Teatro Verdi e da Roma l’11 dicembre all’Auditorium Parco della Musica, con biglietti in vendita dalle 12 del 6 settembre).