Rubato un violoncello del valore di 1 milione e 300mila euro: appello della proprietaria

Uno sconosciuto armato si è introdotto in casa di Ophélie Gaillard, a Pantin, impossessandosi di un Goffriller del 1737.

Ophélie Gaillard

Ophélie Gaillard

GdS 16 febbraio 2018

La violoncellista francese Ophélie Gaillard è stata rapinata, la scorsa notte, del suo prezioso strumento, un Goffriller, costruito nel 1737, da un bandito armato di coltello che l'ha sorpresa nella sua abitazione, a Pantin (Seine-Saint Denis). Il violoncello - che era stato prestato alla musicista dalla sua proprietaria, una banca - se potesse essere venduto varrebbe non meno di un milione e trecentomila euro.
Il bandito, prima di fuggire, si è fatto consegnare da Ophélie Gaillard il telefono cellulare, forse per ritardare l'allarme.
Ophélie Gaillard ha denunciato il furto oggi dicendo che lo sconosciuto armato si è introdotto nella sua abitazione e, dopo essersi impossatato dello strumento e del cellulare, si è allontanato apparentemente a piedi.


Sulla sua pagina Facebook, la concertista ha scritto, accompagnando il messaggio con una foto dello strumento: ''"AIUTO !!! Stasera hanno rubato il mio violoncello (...) e il mio arco personale Jean-Marie Persoit, realizzato intorno al 1825 a Parigi ".
Il violoncello è stato realizzato nel 1737 dal liutaio italiano Francesco Goffriller (nato nel 1659 e morto nel 1742), considerato il capostipite della scuola venea degli strumenti ad arco.
Lo strumento era in possesso di Ophélie Gaillard da una quindicina d'anni e il suo valore non deve sorprendere: nel 2014 una viola realizzata da Stradivari, risalente al 1719, era stimata in oltre 45 milioni di dollari dalla casa d'aste Sotheby's, ma non ha trovato un acquirente.