Topolino non uscirà con la copertina dedicata a Charlie

Il settimanale amato da grandi e piccini avrà in copertina Pippo nelle vesti di reporter.

GdS 2 febbraio 2015
Disney Company Italia ha deciso di cambiare la copertina del prossimo numero di Topolino dedicata a Charlie Hebdo, il settimanale satirico francese che è stato l’obiettivo dell’attentato terroristico lo scorso 7 gennaio, nella sua redazione parigina.



L’immagine, realizzata dal disegnatore e fumettista Stefano Turconi sarebbe dovuta dunque essere in edicola a partire dal 4 febbraio. E invece c'è stato il dietrofront, ma il motivo non è ancora chiaro.



Alcuni dicono che ci sia stata una discussione interna alla redazione di Topolino con diverse sensibilità e il prevalere finale di una copertina “normale” (ci sarà Pippo nelle vesti di reporter). Nel numero che sarà in edicola fra poche ore la direttrice di Topolino Valentina De Poli aveva firmato un editoriale senza parole: una pagina bianca perché “non si possono trovare parole per descrivere il dolore”.



Panini – l’editore licenziatario dei fumetti Disney – ha espresso una posizione ufficiale in merito alle due diverse copertine circolare in rete. E sulla scelta di non pubblicare quella in tributo a Charlie Hebdo, ha precisato: "La copertina del settimanale Topolino, circolata in questi giorni in Rete sui principali siti di informazione e attribuita all’uscita n.3089 del 4 febbraio 2015, non corrisponde all’immagine definitiva selezionata tra una serie di creatività preparata all’uopo di cui l’immagine divulgata faceva parte. Il numero in oggetto, infatti, si presenterà nelle edicole con una creatività differente (che potete trovare in allegato). La scelta di non pubblicare la creatività erroneamente circolarizzata è stata determinata dalle modalità di utilizzo dei personaggi del settimanale".