La confessione di Serena Grandi: "Sono stata molestata da un prete"

L'attrice ha raccontato tutto a Mattino 5: "Da allora" ha detto, "non voglio più saperne di preti e sacerdoti"

Serena Grandi

Serena Grandi

GdS 31 ottobre 2019

L'attrice Serena Grandi, nel corso del'ultima puntata di Mattino 5, ha confessato che da piccola fu molestata, insieme alle sue compagne di catechismo, da un prete della parrocchia che frequentava: "All’età di circa sette, otto anni, stavamo facendo il catechismo per la preparazione alla cresima e alla comunione. Eravamo io e questa amichetta e questo prete insisteva sempre perché andassimo in parrocchia anche se avevamo già fatto la lezione di catechismo. Ci prendeva la testa e ci avvicinava la faccia e poi ci prendeva per mano, ci accarezzava”. Stando a quanto racconta l’attrice, non era l’unica vittima ma con lei c’era anche una coetanea. Pare che il prete in questione le costringesse a baciarsi e a toccarsi e che le invitasse in chiesa anche quando non c’erano le attività parrocchiali. Per un determinato periodo di tempo, Serena ha mantenuto il segreto, poi quando non ce l’ha fatta più ne ha parlato con sua madre.
"Eravamo molto piccole, però è una cosa che mi è rimasta molto impressa… Non era normale che lui ci facesse avvicinare le teste con la bocca vicina alla bocca, in realtà ci voleva far baciare, col senno di poi l’ho capito ma allora era un gioco”. Quando l’attrice ne parlò con la mamma, questa non si mostrò molto stupita e replicò: “Ma lo sai che quel prete lo hanno mandato via perché col passare degli anni era diventato sempre più pesante”. La reazione del genitore è stata un tantino anomala, ma Serena non ha dimenticato le molestie subite e proprio per questo non vuol sentire parlare di chiesa e sacerdoti. Ha concluso: “Da quel momento, da quello strascico di porcheria, non voglio vedere preti, non vado a messa, non credo alle loro prediche che annoiano e basta quando la realtà è un’altra … Io li farei sposare tutti. All’epoca sembrava un gioco ma poi ho capito che nel suo infantilismo c’era un po’ di sporcizia. Se io lo ricordo con un fremito vuol dire che non lo sentivo normale”.