Maria Grazia Cucinotta, i 50 anni della diva siciliana: "viva la vita, sempre"

La diva di Messina: "nella mia carriera non ho puntato tutto sulla mia bellezza, ma sul rispetto per me stessa. E ora, a 50 anni, sono felice"

Maria Grazia Cucinotta

Maria Grazia Cucinotta

GdS 27 luglio 2018

È stata la bellezza italiana all'estero, tanto da comparire, quando in Italia era già famosa ma all'estero non più di tanto, in una puntata de I Soprano, la pluripremiata serie americana, in cui interpretava la bella vicina di casa di cui il protagonista, Tony, si invaghiva perdutamente. E non che ora non sia una bellissima donna, ma come dice lei stessa "puntare sull'aspetto fisico è mettere un'arma contro te stessa perchè al tempo che passa puoi opporre solo il sorriso che tira su. La ricetta unica che conosco per la bellezza e per stare bene è amarsi sempre, a qualunque costo, rispettarsi".

Inutile mettersi contro il tempo che passa per tutti, anche per Maria Grazia Cucinotta, che oggi compie 50 anni e si definisce "saggia e 15enne al tempo stesso". "L'età me la ricorda ogni tanto l'artrosi di cui soffro, per il resto viva la vita".

E viva la vita davvero, dato che l'attrice non ha certo perso tempo, anzi è stata una vera pioniera del mercato audiovisivo, scoprendo per prima quell'immenso filone che era il mercato cinese prima di tutti. Maria Grazia Cucinotta prepara la serie web/tv Teen con Paula Boschi e prodotta dalla Seven Dreams con la collaborazione della Action Academy, con temi che le stanno a cuore dal cyber bullismo ai disordini alimentari.

Per il compleanno, una grande festa a tema siciliano (lei è nata a Messina) sull'Appia antica a Roma, organizzata da Antonio Riccio: "voleva essere una festa a sorpresa ma ho subito scoperto i miei amici che organizzavano", scherza la Cucinotta.

A 50 anni dopo che magari hai passato anni a farti amare dagli altri cominciare ad amare noi stessi è un buon nuovo inizio,ricominciare così, volersi bene, autostimarsi. Cerco di insegnare sempre questo a mia figlia anche se so che è con l'età che si acquisisce questa consapevolezza: sapere che vali lo devi a te".