Da Garrone alla Nicchiarelli, ecco i candidati ai Nastri d'argento

Annunciate le nomination del Sindacato dei giornalisti cinematografici. Sorrentino, i Manetti e Muccino tra gli autori con più candidature

Una scena da "Nico 1988"

Una scena da "Nico 1988"

GdS 29 maggio 2018

“Loro” 1 e 2 di Paolo Sorrentino, “Dogman” di Matteo Garrone, “Ammore e malavita” dei Manetti, “A casa tutti bene” di Gabriele Muccino sono alcuni dei film con più candidature per i Nastri d’argento, i premi del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani. I vincitori saranno proclamati il 30 giugno al Teatro Antico di Taormina. La Rai trasmetterà la serata in diretta.
Altri film con più nomination, per dirla alla Hollywood, alla 72esima edizione dei Nastri: “Napoli velata” di Ferzan Ozpetek, “Nico,1988” di Susanna Nicchiarelli, “Figlia mia”, “The Place”. Nel genere della commedia, i titoli più quotati sono “Benedetta follia”, “Come un gatto in tangenziale”, “Smetto quando voglio-Ad Honorem”. Le candidature sono state annunciate dopo che nella sera del 29 maggio il museo Maxxi di Roma ospita la consegna dei Nastri Speciali.


Di seguito le candidature: di solito sono cinquine, talvolta arrivano a dieci.


Miglior Film


A Ciambra - Jonas Carpignano
Chiamami col tuo nome - Luca Guadagnino
Dogman - Matteo Garrone
Lazzaro Felice - Alice Rohrwacher
Loro - Paolo Sorrentino


Miglior Regista


Paolo Franchi - Dove non ho mai abitato
Matteo Garrone - Dogman
Luca Guadagnino - Chiamami col tuo nome
A casa tutti bene - Gabriele Muccino
Susanna Nicchiarelli - Nico 1988
Ferzan Ozpetek - Napoli velata
Paolo Sorrentino - Loro


Miglior Regista Esordiente


Valerio Attanasio - Il Tuttofare
Donato Carrisi - La ragazza nella Nebbia
Fabio D'Innocenzo, Damiano D'Innocenzo - La terra dell'abbastanza
Annarita Zambrano - Dopo la guerra


Miglior Commedia


Ammore e malavita - Manetti Bros.
Benedetta follia - Carlo Verdone
Brutti e Cattivi - Cosimo Gomez
Come un gatto in tangenziale - Riccardo Milani
Metti la nonna in freezer - Giancarlo Fontana, Giuseppe Stasi
Smetto quando voglio: Ad Honorem - Sydney Sibilia


Miglior Soggetto


Figlia mia - Laura Bispuri, Francesca Manieri
Io c’è - Alessandro Aronadio, Renato Sannio, Edoardo Leo
L’equilibrio - Vincenzo Marra
L’esodo - Ciro Formisano
L’ordine delle cose - Marco Pettenello, Andrea Segre
Made in Italy - Luciano Ligabue
Una famiglia - Andrea Cedrola, Stefano Grasso, Sebastiano Riso


Migliore Sceneggiatura


A casa tutti bene - Gabriele Muccino, Paolo Costella con la collaborazione di Sabrina Impacciatore
Dogman - Matteo Garrone, Ugo Chiti, Massimo Gaudioso
L’intrusa - Leonardo Di Costanzo, Maurizio Braucci, Bruno Oliviero
Loro - Paolo Sorrentino, Umberto Contarello
Nico 1988 - Susanna Nicchiarelli


Miglior Produttore


Archimede e Rai Cinema - Matteo Garrone e Paolo Del Brocco - Dogman
Indigo Film - Nicola Giuliano, Francesca Cima, Carlotta Calori, Viola Prestieri - Loro, Il Ragazzo Invisibile: Seconda generazione
Lotus Production (società Leone Film Group) - Marco Belardi (Con Rai Cinema) - A casa tutti bene, Hotel Gagrin
Lotus è anche candidata per la produzione esecutiva di The Place
Madeleine - Carlo Macchitella e Manetti Bros. Film (con Rai Cinema) - Ammore e Malavita
Medusa Film - Giampaolo Letta - The Place
Pepito Produzioni - Agostino, Maria Grazia, Giuseppe Saccà (con Rai Cinema) - Terra dell’abbastanza e in associazione con Achab Film e in collaborazione con Gran Torino Productions - Dove non ho mai abitato
Vivo Film - Marta Donzelli, Gregorio Paonessa (con Rai Cinema) - Nico 1988
E con Colorado Film e Rai Cinema - Figlia mia