Una spettacolare video-biblioteca per tutti: è il nuovo portale dell'Archivio Luce

Oltre 90 anni di storia, 700mila filmati e 400mila fotografie consultabili da qualsiasi dispositivo gratuitamente

Foto Istituto Luce

Foto Istituto Luce

GdS 11 aprile 2018

Una spettacolare video-biblioteca alla portata di tutti, gratuitamente. E' il nuovo portale dell'Archivio Luce presentato dall'Istituto Luce Cinecittà. Un tesoro di migliaia di filmati in alta definizione, nuovi fondi video e fotografici, documentari, chicche d'archivio e d'attualità per raccontare un secolo di immaginario italiano.
La prima novità è la visione in qualità migliore dei documenti: oltre 70.000 filmati, e oltre 400.000 fotografie, visibili per tutti da qualsiasi dispositivo, gratuitamente. Ogni fondo cinematografico e fotografico presenta una descrizione storico-cronologica dettagliata, e tutti i documenti riportano una didascalia con informazioni, crediti, date, su personaggi eventi e luoghi narrati.
Semplificata anche la ricerca di documenti, suddivisa per aree tematiche, che indirizzano l'utente al campo che più lo interessa: storia, personaggi, arti, politica, sport, spettacolo, attualità, solo per citarne alcuni. Un'altra novità è la possibilità di comporre playlist personalizzate: si può salvare il proprio lavoro di ricerca di documenti in una cartella per poi riprenderlo successivamente.
A tutto questo si affiancherà una nuova attività redazionale con aggiornamenti quotidiani e richiami a un 'tema del giorno', con video/foto-notizie che integrano la cronaca attuale con le immagini d'archivio. Ci sarà poi un'offerta periodica di 'mini-doc': brevi documentari originali di 8-10 minuti prodotti dal Luce, che raccontano temi e personaggi particolari, suggestivi, attraverso filmati d'epoca e nuove riprese.
Ai mini-doc si accosta la proiezione settimanale di corti e documentari d'archivio di particolare fattura, a firma di grandi autori. I primi a essere online saranno lavori di Valerio Zurlini, Luigi Comencini, Michelangelo Antonioni, e dal film collettivo 9X10.
La sezione Polvere d'Archivio, infine, regala al visitatore alcune "chicche" di repertorio. Il patrimonio dell'Archivio Luce si è inoltre arricchito grazie all'acquisizione di nuovi fondi a cominciare dal Fondo Folco Quilici e dal Fondo Mario Canale per arrivare al fondo del regista documentarista Mario Gianni. Tra i fondi prossimamente on line, sono attesi quello della UIL, e del regista Silvano Agosti.