Berlino dice basta a premi ad attrici e attori per genere sessuale

Il festival darà riconoscimenti “genderless” al miglior protagonista e al miglior ruolo secondario. L’annuncio dei curatori Mariette Rissenbeek e Carlo Chatrian

Festival di Berlino

Festival di Berlino

GdS 25 agosto 2020
Niente più premi al miglior attore e alla miglior attrice in base al genere sessuale, il festival di Berlino rivoluziona la prassi dei festival, abolisce i riconoscimenti per sesso e darà l’Orso al miglior ruolo protagonista e al miglior ruolo secondario. Premi genderless quindi. Lo hanno annunciato i curatori Mariette Rissenbeek e l’italiano Carlo Chatrian (già direttore del Festival di Locarno) dicendo alle agenzie che “non separare più i premi nella professione di attore secondo il genere sessuale è un segnale verso una maggiore consapevolezza di genere nell'industria cinematografica”.

Un cambiamento radicale. L’edizione del 2021 non sarà virtuale ma si terrà con il pubblico, hanno aggiunto i due curatori, con misure di sicurezza anti-Covid particolari. Il festival si terrà dall111 al 21 febbraio e l’iscrizione dei film scatta da questo primo settembre.