Venezia: Anna Foglietta “madrina” della mostra e meno film per le misure anti-Covid

L’attrice aprirà e chiuderà le serate dell’edizione numero 77 con Barbera direttore. Riorganizzate le proiezioni, restano quasi tutte le sezioni

Anna Foglietta. Fonte: Biennale di Venezia

Anna Foglietta. Fonte: Biennale di Venezia

GdS 8 luglio 2020
Sarà un’attrice quanto mai versatile al cinema e in tv e a teatro la “madrina” che guiderà le serate di apertura e chiusura della 77esima Mostra del cinema di Venezia, mercoledì 2 e sabato 12 settembre nella Sala Grande del Palazzo del Cinema al Lido, quando saranno annunciati i premi: Anna Foglietta. La manifestazione diretta da Alberto Barbera sceglie quindi un volto molto popolare anche per aver lavorato tanto in televisione e nelle commedie

Tv. In tv Anna Foglietta ha preso parte a serie e fiction: da La Squadra (per quattro anni) a Distretto di Polizia, da L’oro di Scampia a Ragion di Stato di Marco Pontecorvo, è protagonista della serie tv Rai dall’omonimo film La mafia uccide solo d’estate nella prima e nella seconda stagione. Nel 2019 per Rai 1 interpreta Nilde Iotti in Storia di Nilde.
Nel 2019, al Festival di Sanremo, ha condotto con Rocco Papaleo il DopoFestival.

Cinema. Al cinema Anna Foglietta si è vista fra altri titoli in Sfiorati di Angelo Orlando, in Nessuno mi può giudicare di Massimiliano Bruno che le vale una candidatura ai David di Donatello e, ai Nastri d’Argento, il premio come miglior attrice di commedia per il 2011. Ha recitato per i fratelli Vanzina in Ex-Amici come prima (2011) e in Mai stati uniti (2013), con Neri Parenti in Colpi di fulmine (Cine Ciak d’Oro come miglior attrice comica), Noi e la Giulia di Edoardo Leo (nomination ai David di Donatello), Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese (vince il Nastro d’argento speciale e nomination ai David di Donatello), Il contagio di Alessandro Gassman..
Ha recitato nella commedia Milano di Laura Chiossone Genitori quasi perfetti, in Un giorno all’improvviso di Ciro D’Emilio (Nastro d’argento come miglior attrice protagonista). Nel 2020 è interprete di due commedie cinematografiche: DNA - Decisamente Non Adatti, con la regia di Lillo e Greg, che a causa dell’emergenza Covid-19 debutta in streaming anziché nei cinema, dove interpreta tutte le protagoniste femminili (candidata ai Nastri D’Argento 2020 come migliore attrice di una commedia). È tra i protagonisti del film di Carlo Verdone Si vive una volta sola, la cui uscita è stata sospesa a causa dell’emergenza.

Teatro. Diretta da Alessandro Gassman, è la poetessa Alda Merini nello spettacolo La pazza della porta accanto (Premio Maschere d’oro del teatro 2016).
Durante la stagione 2018/2019 è nuovamente protagonista a teatro nello spettacolo Bella Figura di Yazmina Reza diretto da Roberto Andò, e del monologo Una guerra, scritto da Michele Santeramo.

Le misure di sicurezza con l’emergenza Covid
A causa dell’emergenza Covid, e quindi per garantire condizioni di sicurezza, la Mostra del Cinema 2020 avvisa che sarà in versione diversa con un numero ridotto di film nella selezione ufficiale. Sono confermate le sezioni competitive Venezia 77 e Orizzonti, nonché Fuori Concorso e Biennale College Cinema. Il concorso Venezia Virtual Reality invece, anziché sull’isola del Lazzaretto Vecchio, sarà tutto online accessibile tramite una piattaforma dedicata, accessibile a tutti gli accreditati.

La sezione Venezia Classici sarà all’interno del programma del festival Il Cinema Ritrovato, promosso dalla Cineteca di Bologna, che si svolgerà dal 25 al 31 agosto nella città emiliana e verrà replicata a Venezia nei mesi successivi.
Salta invece la sezione Sconfini “per garantire il maggior numero di posti disponibili alle repliche dei film delle sezioni principali”. La mostra avrà anche due arene all’aperto, una ai Giardini della Biennale e una al pattinodromo del Lido. La Biennale annuncia che replicherà la maggior parte dei film del programma ufficiale ai Cinema Rossini di Venezia e al Centro Culturale Candiani di Mestre, nel programma Esterno Notte organizzato dal Circuito Cinema del Comune di Venezia. “La Biennale di Venezia, per far svolgere la Mostra in sicurezza, seguirà tutti protocolli anti Covid-19 sulle procedure sanitarie, nel pieno rispetto della salute del pubblico”.

Il programma completo sarà divulgato il 28 luglio.

La riorganizzazione della mostra nel sito della Biennale di Venezia