È morto Max Von Sydow, l'attore-feticcio di Bergman: aveva 90 anni

Von Sydow debutta sul grande schermo nel 1957 con "Il settimo sigillo", capolavoro di Ingmar Bergman, che da quel momento vede in Von Sydow il suo attore feticcio.

Max Von Sydow

Max Von Sydow

GdS 9 marzo 2020
È morto l'attore Max Von Sydow, 90 anni, protagonista di moltissimi film del maestro Ingmar Bergman, da 'Il Posto delle Fragole' a 'Il Settimo Sigillo'. Ma anche di successi internazionali come 'L'esorcista', 'Hannah e le sue sorelle'. È stato nominato due volte all'Oscar, per "Pelle alla conquista del mondo" nel 1989 e per "Molto forte, incredibilmente vicino" nel 2012.

Nato a Lund, il 10 aprile del 1929, è morto in Francia dove viveva da tempo con la seconda moglie, la produttrice francese Catherine Brelet.
È stata lei a dare la notizia. 


Dopo aver recitato a lungo in teatro in Svezia tra la fine degli anni 40 e l'inizio dei 50, Von Sydow debutta sul grande schermo nel 1957 con "Il settimo sigillo", capolavoro di Ingmar Bergman, che da quel momento vede in Von Sydow il suo attore feticcio: con lui gira 14 film, tra cui "Il posto delle fragole", "La fontana della vergine", "Come in uno specchio" e "L'adultera".


La grande popolarità internazionale arriva nel 1973 con il ruolo di padre Merrin ne "L'esorcista", di William Friedkin. Seguono altri blockbuster come "I tre giorni del condor", "Flash Gordon", "Fuga per la vittoria", "Conan il barbaro" e "Mai dire mai".  Von Sydow ha avuto anche un rapporto particolare con il cinema italiano. Molti registi nostrani lo hanno voluto come protagonista, da Alberto Lattuada in "Cuore di cane" (1976), a Dario Argento in "Non ho sonno" (2001) passando per Francesco Rosi ("Cadaveri eccellenti"), Mauro Bolognini ("Bollito misto") e Pasquale Squitieri ("Il pentito").   


Anche tra gli anni 90 e i 2000 la carriera di Von Sydow non segna battute d'arresto. A parte pellicole di grande successo commerciale, come "Shutter Island", "Minority Report", "Robin Hood" o "Star Wars: Il risveglio della Forza", lavora anche con registi di culto come Wim Wenders, in "Fino alla fine del mondo" o Lars Von Trier in "Europa" e ottiene la seconda candidatura all'Oscar per "Molto forte, incredibilmente vicino" (dopo quella per "Pelle alla conquista del mondo".  


Tra i suoi ultimi ruoli c'è quello in una delle serie televisive più amate degli ultimi anni, "Il trono di spade": Entrato nel cast nel 2016 con il ruolo del Corvo a tre occhi (Three-eyed Raven), ricevette una nomination al Primetime Emmy Award.