Catherine Deneuve in ospedale. Le Parisien: "Condizioni gravi"

Il quotidiano parigino: l'attrice ricoverata in ospedale dopo un malore nella notte. Il fitto calendario dei suoi impegni

Catherine Deneuve

Catherine Deneuve

GdS 6 novembre 2019
Catherine Deneuve è ricoverata in ospedale a Parigi per un malore avuto nella notte tra ieri e oggi: lo ha scritto il sito di Le Parisien.
Per la testata l'attrice 76enne sarebbe in "condizioni gravi" che richiedono analisi approfondite. Le agenzie riportano che fonti vicine alla Deneuve citate da BFM-TV, parlano di una "botta di stanchezza" causata dai molti impegni. L'attrice è dal mese scorso sul set parigino dell'ultimo film di Emmanuel Bercot, "De son vivant", con Benoît Magimel.

Il suo ritmo di lavoro è sempre stato serrato e non ha rallentato con l'età. Quest'anno sono usciti tre film tra i quali quello d'apetura alla Mostra di Venezia 2019, La verità di Hirokazu Kore-eda, con Juliette Binoche e Ethan Hawke, in uscita in Francia il 25 dicembre. E la Deneuve dovrebbe partecipare alla promozione del lungometraggio. Inoltre è nella fase di montaggio per uscire nel 2020 Terrible Jungle, una commedia con il comico, attore e autore Vincent Dedienne.

L'attrice divenne nota a livello internazionale per l'interpretazione di un capolavoro, Bella di giorno di Luis Buñuel del 1967. Protagonista in innumerevoli film, spiccano tra le tante prove L'ultimo metrò di François Truffaut nel nel 1981 con cui vinse il suo primo César seguito nel 1992 dallo stesso premio per il film Indocina, con cui fu candidata all'Oscar come miglior attrice protagonista. Nel 1998 a Venezia vinse la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile in Place Vendôme di Nicole Garcia.
In Italia ha recitato per Marco Ferreri, Mauro Bolognini, Mario Monicelli, Dino Risi, Pasquale Festa Campanile.

Catherine Deneuve è ambasciatrice dell'Unesco. Ha due figli, entrambi attori: Christian Vadim (1963), avuto con il regista Roger Vadim, e Chiara Mastroianni (nel 1972), nata dla legame con Marcello Mastroianni.