In Russia censurato il film su Elton John: contrario alla legge anti-gay

Non si tratta di un intervento dello Stato ma della stessa società di distribuzione che ha agito in anticipo per evitare la censura

Ansel Elgort nei panni di Elton John nel film Rocketman

Ansel Elgort nei panni di Elton John nel film Rocketman

GdS 31 maggio 2019
La vergognosa legge anti-gay in Russia colpisce ancora e stavolta a farne le spese è Rocketman, il film sulla vita di Elton John in cui, ovviamente, sono presenti riferimenti alla sua omosessualità e una scena di sesso. Tutto eliminato nella versione russa del film, in una sorta di censura indiretta dato che è stata la stessa società di distribuzione, la Central Partnership, a tagliare le scene del film considerate non conformi alla legge che vieta la 'propaganda omosessuale'. 
Una legge tristemente nota, già bocciata dalla Corte europea dei diritti dell'Uomo come discriminatoria e aspramente criticata dallo stesso Elton John, che in passato ha anche denunciato la frequente equiparazione tra omosessualità e pedofilia in Russia.
I tagli sono stati accolti con sdegno dai critici che ieri sera hanno assistito alla première russa di 'Rocketman' in un cinema del centro di Mosca. Neanche il finale del film è stato risparmiato. Nella versione originale una didascalia spiega che Elton John vive con suo marito e ha due figli.
Sullo sfondo si vede una foto della coppia sorridente. Ma in Russia la foto non viene mostrata e la didascalia non parla della storia d'amore: annuncia che la popstar ha creato una fondazione per la lotta contro l'Aids e continua a lavorare col suo partner musicale. Niente riferimenti ai matrimoni gay. Potrebbero rappresentare una violazione della legge.